accedi   |   crea nuovo account

Le mani aperte

Filtra la luce
tra gli spazi vuoti
alimentando fame
e stroboscopiche visioni.

Mi calzano a pennello
le ore di questo tempo nuovo
come bottoni nuovi
a chiuder vecchi occhielli.

E questa mano
che ho davanti al viso
ha le falangi aperte
a focalizzare meglio i raggi.

Sono mie ora
queste intermittenze,
non interruzioni,
per meglio definire
il cambio della rotta.

 

3
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 01/10/2013 18:39
    Dal passato spiragli di speranza... Sequela di riflessione... IL MIO ELOGIO

2 commenti:

  • Caterina Russotti il 01/10/2013 16:43
    Bella questa poesia sul l'analisi del passato... fatto proprio per poi poter guardare avanti...
    Complimenti per i tuoi bei versi.
  • loretta margherita citarei il 01/10/2013 15:36
    molto bella alex, complimenti