username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La luce ecografica

Quando ti vedo passar
dall'aorta alla porta
e ti sento spiegar,
o dolce ecografista,
il mio fegato brilla
mentre io già son brillo,
poi un tal brivido mi prende
che proprio all'istante,
a mò di gabbiano,
comincio a volare
e ad ali spiegate
finanche a volteggiare
ma è solo un delirare.
Quel bruto pensier
che mi ti fa desiar,
mia Musa divina,
d'incanto s'appanna
e subentra il canto,
di poi per lo stress
inizia il processo
di transaminazione
ed è la glutammina
che mi pervade il cervello
e mi eccita il neurone.
Proprio a questo punto
si illumina il pensiero
per la materia andata e,
in tanta luce,
la mente si compiace,
l'anima si dà pace
e perfin lo spirito...
finalmente tace


Questa poesia, caro Carmine (dottor Coppola), la dedico a te e alla tua Scuola (ecografia di Gragnano), da asino ripetente (e ne ho ben donde!) e, per pagare il fio, mi sia concesso di offrire a tutti i docenti (anche a Giorgio, tuo professore e mio collega di università) un pranzo di fine corso.
Naturalmente la poesia non me l'hai ispirata tu... mi ritroverei all'inferno altro che luce del paradiso!
Se leggi attentamente ci sono spunti scientifici (la può leggere anche la Farro e la Amoruso avvezze alla scienza e non alle poesie!) di un esperto di encefalopatia epatica, che ha iniziato ad esplorare la corteccia associativa (era spirituale dei Maya) laddove anche gli americani depongono le armi.
A breve i medici dovranno assimilare nuove acquisizioni (la novella arca di Noè), per cui consiglio anche a voi docenti qualche corso di aggiornamento sulla miscela umana spirito/materia che si elabora o meglio si cuoce nella fucina epatica sulla fiammella ipotalamica.
Vi porto a conoscenza, scherzi a parte, che sono molto severo e molti medici (specie i professori che non concepiscono l'anima per scarsa coscienza) sono a rischio di vedersi ritirare la laurea.


Francesco Andrea Maiello,

il più grande poeta contemporaneo (e non solo!)... naturalmente da malato di encefalopatia, in perenne terapia con purghe e clisteri a iosa, presidio catartico (solfato di magnesio e lattulosio) per mantenere "'a capa fresca" perché, nonostante sia da sempre sballottato tra peripezie mentali, cerca di far sorridere il malato e di far crepare le malattie!

 

3
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 07/10/2013 21:47
    Pensa tu se il paziente potesse vedere sotto i riflessi e per effetto dell'ecografia il dottore, in questo caso la dottoressa, come natura crea e senza ricorrere alla Cirio per conservarla!
    Sei geniale, un dottor poeta!

4 commenti:

  • Anonimo il 07/10/2013 05:42
    sei una persona ed un medico speciale... ho letto con attenzione e lo conservo un abbraccio
  • Caterina Russotti il 05/10/2013 16:33
    Ahahhhh allora mi sa, che è per questo che continui a ripetere... E dopotutto... mi sa che fa piacere anche a Lei, se non ti fa notare che oramai dopo tante ripetizioni dovresti sapere bene la lezione.
  • Francesco Andrea Maiello il 05/10/2013 16:06
    Carissima Caterina, la mia Musa è una brava docente di ecografia epatica ed, io nonostante l'età, è l'ennesima volta che seguo questo corso (asino ripetente). Appena comincia a parlare io comincio a volare con la fantasia ed arrivo lassù a spiritualizzarmi perché è felicemente sposata ed io non mi permetto neanche di sfiorarla a parte le poesie che deve subire! E la poesia precedente che le ho dedicato è lo stalking d'amore! Ciao Caterina
  • Caterina Russotti il 05/10/2013 14:17
    Ho bene in mente l'immagine... Tutti parlano su quel che la luce ecografica intravede.. Ma nessuno si ricorda che sotto di essa, vi è un essere umano che ascolta e prova sentimenti... Almeno., ho interpretato così questa tua poesia dedicata ai tuoi colleghi.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0