PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ubriaco

Povero uomo non ti accorgi che
sei importante per il Creatore.
Ti uccidi con la cerosi epatica,
non hai carattere per frenarti
davanti al bicchiere di alcool,
come un serpente a sonagli
ti avvolge ed inietta
nel tuo sangue veleno.

Cosa resta della tua dignità?
Con la sbronza non guidare,
aspetta e non aver fretta,
ti passerà.
Sappi che quando non sei lucido
i guai sono notevoli,
non solo per te ma per ognuno
rappresenti l'assassino.

La tua colpa non sarà tolta
con la condanna penale.
Avrai il ricordo del volto che hai ucciso
finchè vivrai e gli incubi non ti lasceranno.

Fermati al primo goccio,
è bello il gustare ma non oltrepassare
la tua lucidità mentale.

Sappi che ogni gorno c'è il bollettino di guerra
sulle strade e mai vivrai libero,
con la tua piena dignità.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Marco Del Borrello il 03/12/2011 15:07
    chi si ubriaca non ama se stesso oppure odia se stesso e vuole scordare perchè è qui sapendo che non serve a niente sulla sua vita
  • nico cosentino il 06/09/2007 23:56
    grazie angela, anche se non ho mai letto pasolini
  • celeste il 06/09/2007 20:49
    Sono il primo. Mi hai convinto.
    Niente più bibite gasate. Solo superAlcolici. Grazie. Ciao
  • Simone Sansotta il 03/09/2007 20:01
    La trovo retorica

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0