PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Vittime di Lampedusa

Piangete bagnati, il petto battete
su questo Mediterraneo
quelli che voi chiamate emigranti
portano sulla croce sogni infranti.
Non saprete mai il loro nome
non ne avete l'interesse
e né conoscerete il loro volto
Son sepolti nell'immenso cimitero
di sale e acqua fredda
uomini e donne come tanti altri
come i nostri della vita
coi sorrisi d'aquiloni, e con la gioia dei loro cuori
spariti in un liquido che entra
ed esce la vita.
Piangete bagnati, il petto battete
su questo Mediterraneo
Va una preghiera sui sogni ammutoliti
nel nulla
là dove affogano disperate urla
... mentre annaspo ansimando il respiro.

 

1
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Giulia Aurora il 05/10/2013 16:29
    quanta sensibilità in questo argomento pesante e scuro difficile da trattare complimenti
  • Anonimo il 05/10/2013 14:57
    Versi scaturiti da un nobile sentimento, in ricordo di coloro che, purtroppo, perdono la vita alla ricerca di una futuro migliore, per se stessi e per i propri congiunti ma che, spesso sono vittime di un "sistema" che non fa nulla per evitare che ciò accada. Una struggente e poetica dedica, alla quale mi associo in pieno accordo. Sinceri complimenti.

3 commenti:

  • DANIELE BOGANINI il 16/10/2013 13:30
    molto bella come poesia. mi sembra d'esser sull'isola e vedere il triste scenario senza poter far nulla. quanti sogni infranti... quanta tristezza e disperazione.
    la frase "cimitero di sale" rende tanto!
  • Mario Bruno (Ciancia) il 10/10/2013 20:04
    Leggendo questa tua mi nuotavano gli occhi nelle lacrime.
    Mi hai talmente rinnovato questo triste ricordo che ho dovuto smettere di leggere per un po'... per poi continuare...
    mentre i Sogni di tanti naufraghi si sono spenti per sempre.
    Storie tristi che tu ha saputo mettere in versi molto delicati.
    Piaciuta moltissimo.
  • Attanasio D'Agostino il 05/10/2013 17:05
    i miei complimenti al tuo poetare...
    la tua delicatezza è pari al rimprovero che porta dentro
    un dolore incaccellabile... simile ai campi di sterminio
    oggi dettata dall'indifferenza dell'uomo... civile!
    un caro saluto e buona domenica Tanà.
    ...