accedi   |   crea nuovo account

Son miei

Solitudine issa le vele.
Solleva l'afflizione
nel cacume più alto.

Ma son qui loro,
Non li bandirai,
son miei.

Tristezza accostati a me,
sollecita al colmo la penuria
dell'intelletto mio,
adornando di scelleratezza
la ricorrenza del vivere mio.
Provaci!

Ma son qui loro,
non li radierai,
son miei.

Sgomento ripercuoti in me,
colpiscimi dentro!
Cerca di sopprimermi,
falcidia all'estremo
la mia pacatezza.

Ma son qui loro,
da me non dipartiranno,
son miei.

Come il maiuscolo blu
del mondo agita
il flusso d'acqua sua.

Nella frazione,
nell'istante,
nel baleno di un soffio mio
semplice solingo
da un secolo son diventato!

Ma son qui loro,
son miei,
amici miei.

 

2
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0