accedi   |   crea nuovo account

L'Ibisco

Spesso invadevi i lieti, casti, sogni
Mutandoli in tormenti passionali
Nel sonno ti prestavo la mia mano
E noi cullati, sospesi, s'uno stelo
Al centro d'una corolla, sugli stami
I capelli impollinati, umidi e gialli
Sciupavamo i nostri corpi sotto il sole
Come quegl'insetti che alla Primavera
Quando sussurra i comandi alla natura
Obbediscono al richiamo dell'amore.

Erano quelli i tempi giovani dell'ardore
Dei primi approcci timidi e impacciati
Degli incontri clandestini per le scale
Dei nostri sessi sempre palpitanti e pronti
Del furto delle chiavi di quella porta
Che schiudeva su ogni nostro desiderio
E quella panchina schiva e imbarazzata
In fondo al viale, nel Perìpato ombreggiato?
Ascoltava le nostre più audaci fantasie
Soddisfatte appena tramontato il sole.

Ma a quell'età, vagabonda e scanzonata
S'inseguono i vertici d'una perfetta sfera
E dopo te solo amori e virgole e mai a capo
Un periodo che pare destinato a non finire
Che stanca alla lettura e si disperde vano
Ma quando vista stenta e barba imbianca
Si smette di cercare in fondo al mare
Si guarda finalmente dentro il cuore
E nel labirintico vagare ho ritrovato te
Il primo Ibisco colto e mai dimenticato.

 

3
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Caterina Russotti il 07/10/2013 00:13
    Il primo amore, non si scorda mai. Stupenda poesia e bella paragonare l'ibisco che è un fiore perenne... Al primo amore.. Complimenti.

1 commenti:

  • Chira il 04/06/2014 17:37
    Ogni tanto scopro di aver perso lungo la strada di PR tante cose belle... questa perla per esempio. Del resto gli autori sono tanti e non si ha molto tempo per leggere tutti e tutto. Bella sorpresa sei per me.
    Chiara

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0