accedi   |   crea nuovo account

Considerazione libera sulla moneta

Mi regalarono, per affetto, un paio di boxer, ad effetto
stampate sul cotone le cento euro, strampalerie contemporanee
poi alla lunga, ci ho riflettuto sopra, con dispetto.

Son tornato con la mente a quell'anno duemila quando fu,
con fare trionfante, introdotto l'euro, al posto della lira..
e poi cento euro è da un po' che non le vedo, strano...

certo non ho lavoro, poca salute e poca voglia ma la memoria torna
a quel grande imbroglio. Per carità, ha dato i suoi vantaggi,
la moneta di scambio oggi però si è come svuotata di significato,

come il mio portafoglio, che spesso strilla, per la paura di veder
un foglio in filigrana.. non se li ricorda più! Si dice, lo dice un santo
che la pecunia è l'arma del diavolo. Mai considerazione fu più esatta...

E dire che il diavolo con questa ci lavora, nei piani alti con i potenti
nei piani bassi con chi si azzuffa per un impossibile lavoro...
Ma in quale inganno, dalla notte dei tempi, certi esseri superiori

ci hanno incastrato, per dilaniarci? Ci vuol saggezza, non pensarci
cioè cambiare il modo di pensare. Riciclar rifiuti, non sprecare
incontrare gente, contrattare a modo. E non regalar soldi al Monopolio!

 

4
4 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 07/10/2013 17:14
    Quanta verità nei tuoi versi Raf!
    Bravissimo, condivido il tuo pensiero su tutto.

    Ps: Grazie per il commento alla mia ultima poesia! Mi ha fatto piacere.
  • Vincenzo Capitanucci il 07/10/2013 15:42
    da quel giorno non si suona più la orfica lira... era bello fregare il serpentello monetario... con le nostre improvvise italiche svalutazioni... ormai si gioca a Monopoli... di Monopolio... gli arbitri sono severi.. e ci ritroviamo a piangere nel vicolo corto...

    Alquanto reale... Raffaele.. ed i cento euro... li vediamo solo sulla parte posteriore del boxer..
  • Caterina Russotti il 07/10/2013 13:50
    Ormai abbiamo più carte dei supermercati che monete nei nostri portafogli... Abile considerazione di quanto siamo stati fiduciosi e sprovveduti nel 2000.
    Mirabili versi! Che condivido

4 commenti:

  • Giulia Aurora il 11/10/2013 01:26
    sempre attento ed ironico a ciò che lo circonda chiusa bellissima
  • Anonimo il 07/10/2013 20:27
    anche io condivido questi versi... pieni di verita ciao raffffffff
  • loretta margherita citarei il 07/10/2013 17:49
    non solo il tuo borsellino urla, il mio piange... bravissimo
  • Ugo Mastrogiovanni il 07/10/2013 16:37
    Versi bellissimi che condivido pienamente.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0