accedi   |   crea nuovo account

Mamma mia

Nella vigna della vita qual m'hai condotto
un innumere di sommelier
attende con smania eminente
il tuo adimarsi, il tuo cadere.

Spremerti, sopprimerti, torchiarti.
Oh che arrivisti, taccagni, opportunisti che sono!

Vogliono di te far quel mosto per dissetarsi.
S'auspicano che sborniarsi del nettare tuo
dia loro la virilità, virtù, vigoria che ti discerne da loro.

Ma mamma mia
tu sei il grappolo d'uva più veemente,
del vino più eccelso.

Che non precipita mai.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • francesco contardi il 08/10/2013 19:22
    grazie sig. ugo e sig. ra caterina
  • Ugo Mastrogiovanni il 08/10/2013 18:41
    Ammirevole l'uso del verbo adimare utilizzato da Dante, e ben posti anche quelli che danno forza a tutte le espressioni figurative energizzanti ogni il verso. Simpatico quel grappolo d'uva più violento!
  • Caterina Russotti il 08/10/2013 09:58
    Splendida la chiusa... Complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0