accedi   |   crea nuovo account

Prima e dopo

Furtiva
chiudo alle spalle
la porta.
Una manciata di giorni
di notti
possono bastare
se d'amore si vive.
Il mio viaggiare
sola
da sempre
è alibi sicuro.
Sfreccia il treno
d'argento vestito,
nelle gallerie
sibila forte
ad assottigliare
le nostre distanze.
Come drago
ingoia
tutto il verde,
l'azzurro
e di girasoli fa indigestione.
Egli è già lì
che aspetta il dono
dei miei fiori.

Nel letto disfatto
ho lasciato
respiri di pace
inchiodati
alle mie insicurezze,
a quel pezzo di me
appagata e dolente.
E torno...
Il pesciolino rosso
boccheggia,
d'acqua pulita
abbisogna
e me sola aspettava.

 

1
0 commenti     8 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

8 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Giulia Aurora il 10/10/2013 22:57
    si belle immagini si susseguono e danno spazio all'anima
    molto suggestiva
  • salvatore maurici il 09/10/2013 23:00
    pinseri chi currinu, turbinosi ad inseguire nuove e vecchie emozioni, amori brevi e stanze dove si consumano gli amori, "Nel letto disfattoho lasciatorespiri di pace" e chiudere porte e nuove emozioni ancora da provare. mi piace
  • stella luce il 08/10/2013 21:51
    versi molto belli... si torna al proprio pesciolino che ha bisogno di acqua pura per vivere... alle volte si chiude la porta e si prova a vivere attimi intensi... ma poi si deve tornare, ma quei pochi attimi possono bastare...
  • Caterina Russotti il 08/10/2013 09:55
    Delicata poesia che esprime tutti i sentimenti di chi vive attimi d'amore fuori di casa.
    Ma che poi torna sola nella sua casa. Stupenda e profonda nei suoi versi.
  • Anonimo il 08/10/2013 07:55
    una poesia stupenda Chira, da incorniciare ogni parola... mi ha persinbo commosso nella sua "felice malinconia"
  • Antonio Garganese il 08/10/2013 05:33
    Un amore accorcia distanze per mezzo di un treno, espresso in accattivante similitudine, poi si torna alla vita di ogni giorno. Ben scritta, complimenti.
  • Auro Lezzi il 08/10/2013 05:11
    A volte bisogna sapersi gustare il durante e non pèensare.. Magari dopo è tutta poesia.
  • cristiano comelli il 07/10/2013 22:54
    Peccato che la tua poesia sia rimasta finora orfana di commenti, ci sono immagini interessanti che introducono a una sorta di dimensione più lontana. La poesia è questo: rimando a qualcosa di più grande di quanto essa, già in modo pregevole come fai tu, dice. Cordialità e complimenti.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0