accedi   |   crea nuovo account

Lu gattu e a canarina

a la finestra, sopra u davanzale
na canarina sta drendo a gabbietta,
sotto su na sedia accovacciatu
s'ariposa un gattu sopra nu guanciale.


Preoccupata da a vicinanza, l'uccelletta
ar micio mezzu sunnulusu
je fa stu discursu stranu:

-A sor gattu, nun figne d'esse addurmentatu
è che me ne so corta, nun so tuntolotta
che te stai li baffi a leccà,
fusse che fusse che me voi magnà?

Ma io in gabbia armanco
pe rabbia e pe dispettu,
zompo me facciu un girettu
drendo, lu becchime magno,
gorgheggio quanno me pare
de scappa nun ce penso.

So che me voi magnà
co nu boccone,
che te piacio come fossi lu pormone,
se me permitti nun faccio a fine der cojone.-

Je rispose lu gattu:

-Sto qui sedutu quattu quattu
pe fatte compagnia,
nun pe magnatte, fidete
che nun è na bucia.

Nun te daria impurtanza
manco se vulassi drendo a stanza,
vidi cara amica mja,
io so libbero, sorto sopra li tetti
vo a caccia de surcitti,
co e micie faccio er pomicione
me levo ogni soddisfazione...

Pe te povera celletta
che ar gabbio si costretta,
credeme
posso pruvà solo compassione..

De a libbertà ciai l'illusione...

Anco se d'oro a gabbietta

12

6
4 commenti     5 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 08/10/2013 11:35
    E bravo il sor gatto, avrebbe potuto fare il politico... a gabbia aperta l'avrei voluto vedè!
    E brava pure a sor Lorè, sempre originale e unica maestra!
  • Caterina Russotti il 08/10/2013 09:29
    Stupenda... Mi sembrava di vedere Silvestro e Titti che dialogavano... A parte questo, bella la metafora... Dove non è tutt'oro quel che luccica..
  • Anonimo il 08/10/2013 09:20
    Finalmente una poesia in dialetto, era da tanto che non la pubblicavi. Questa tua, sembra una favola... ma è molto significativa, sei bravissima in questo.

    Mitica LOr. Stupenda.
  • Rocco Michele LETTINI il 08/10/2013 08:14
    Nulla è decantato per caso... da la tua ironia una mirabile sequela che tanto mette a nudo... LA MIA LODE LORY...
  • Vincenzo Capitanucci il 08/10/2013 07:36
    mi ha ricordato... la Chèvre de monsieur Seguin... di Alphonse Daudet... la libertà ... la gabbia... la sicurezza.. la prigionia... la catena...

    bellissima L'Or...

4 commenti:

  • Anonimo il 09/10/2013 12:26
    lor brava molto bella e simpatica in vernacolo sei bravissima... ciao poetessa tvb
  • Giulia Gabbia il 08/10/2013 12:53
    stupenda favola adatta per tutti
  • Chira il 08/10/2013 07:53
    Un dialetto vicinissimo al mio, si capisce benissimo... è una chicca Loretta, per forma e contenuto, come sempre.
  • loretta margherita citarei il 08/10/2013 07:16
    DIALETTO UMBRO, SPOLETINO PER L'ESATTEZZA

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0