accedi   |   crea nuovo account

Rassegnazione

Insensibile, né benevolo,
il fato, ha presentato il suo conto...
annientando ogni sogno,
ogni stabile ed immutabile certezza.

Portandosi così via, la mia dimensione.

Provo allora a camminare in cerca di nuove energie,
Mentre la situazione che mi opprime non viene meno
e il dolore che esso provoca,
si trasforma in una rinuncia che porta con sé,
una sofferenza sorda e strisciante.

Incompleta, abbandono ogni speranza.

Controvoglia,
mi rassegno ponendo la mia rosa appassita
in altrui mani come se fosse un qualcosa di
... ineluttabile.

Non è una sconfitta, no!
Cerco solo di non lottare da sola
contro dei mulini a vento.

Come naufrago solitario,
cerco riparo nella rassegnazione.

Naufraga nel tempo,
rimango in silenzio
... ad osservare le mie ragioni dell'essere
sprofondare nell'abisso.

E se, la rassegnazione è un'emozione,
... di certo non conosce la bilancia della razionalità.

È uno stato dell'anima
che si accompagna al luogo
dove non c'è più ragione.

Penso al riccio che si chiude in sé
e mostra gli aculei per difendersi...

Ma poi,
come un gelsomino notturno
mi chiudo in me stessa,
perdendo la vitalità
che un dì mi contraddistingueva.

Vivo il presente in "lutto"
nella speranza di poter ricominciare...
Ed allora mi rassegno...

Devo accettare l'inevitabile
... in Me,
la consapevolezza di dovermi arrendere senza poter agire.

E se, invece...

Mi prendessi la libertà di "star bene" comunque vadano le cose?

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

9 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 12/10/2013 14:04
    Accettando l'ineluttabilità del fato, non sempre è facile ma, la RASSEGNAZIONE, dinanzi ad eventi immodificabili, può solo arricchirci, renderci saggi e vivere con un'ampia serenità per la comprensione degli eventi, nel futuro. Poesia molto apprezzata e piaciuta!
  • Anonimo il 11/10/2013 20:40
    Star bene con se stessi, non è una libertà, ma un'essenzialità per poter vivere le situazioni, anche avverse, che ci capitano.
    Più che rassegnazione, che mi sa molto di passività, credo che sia importante l'accettazione di un fatto, dopo aver cercato di comprenderne il senso, fino in fondo.
    Il fato, credo che si faccia i fati suoi, più che quelli nostri, magari siamo noi a orientarne la determinazione.
    Questo mi fa pensare la tua bellissima poesia.
  • Giulia Aurora il 10/10/2013 22:53
    bel proposito Caterina un colloquiare a se ed al fato come un interlocutore a cui puoi dar corda molto originale
  • Don Pompeo Mongiello il 10/10/2013 14:52
    Eccezionale sia nella forma come nel contenuto!
  • Raffaele Arena il 10/10/2013 00:30
    Pensiero positivo, e accogliere, accettare e trasformare ogni tipo di sentimento che ti attraversa. Chi è più sensibile più viene ferito, ma l'inverno è un logo, una stagione di rassegnazione alla forza della natura. Non sprecare energie inutilmente, indirizza i tuoi sforzi su cose concrete. Certe cose non esistono, viviamo soltanto si istante per istante. Poesia sentita, quasi una sorta di riflessione introspettiva, capace di trasformare questa sorta di rassegnazione in nuova azione per il tuo bene e di chi ti vuol bene intorno. Molto piaciuta.
  • salvatore maurici il 09/10/2013 07:32
    Gli stati d'animo vivono la vita delle persone, a volte la anticipano la condizionano "nella speranza di poter ricominciare...
    mi rassegno"... la chiusura apre alla speranza.
  • stella luce il 08/10/2013 22:10
    messa tra i preferiti... credo si debba vivere per cercare di stare bene, anche quando il resto non va bene...
  • Rocco Michele LETTINI il 08/10/2013 17:23
    Era una recensione... la mia buona serata...
  • Auro Lezzi il 08/10/2013 16:37
    Non è autobiografica.. È una storia.. La Kati non si rassegna mai...

11 commenti:

  • Anonimo il 12/10/2013 20:15
    l'accettazione a volte è una buona soluzione... bellissim lirica caterina sei brava...
  • Caterina Russotti il 11/10/2013 22:15
    Dici bene Salvatore, l'accettazione è un elemento importante per permetterti di affrontare al meglio le situazioni... soprattutto quelle avverse... Ma talvolta accettare potrebbe anche voler dire arrendersi e non combattere... È un argomento difficile, che andrebbe valutato di volta in volta... Almeno credo.
  • Mara il 11/10/2013 18:53
    Bello il tuo pensare... condivido lo stato d'animo che ha ispirato i tuoi versi.
  • Gianni Spadavecchia il 11/10/2013 13:45
    Sarebbe la soluzione migliore quella scritta come chiusa.
    Un'incredibile poesia questa tua, piena di emozioni e metafore.
    I miei complimenti.
  • Dolce Sorriso il 08/10/2013 20:56
    che dire... poesia che emoziona, che dona a chi legge un implosione di ricordi, parole comuni a tanti di noi... un sentimento che ci accomuna... sei una bella persona Cate.
  • Anonimo il 08/10/2013 18:13
    Rassegnarsi? Mai Caterina... a quanto so di te, mi pare che hai l'energia dentro di te, da vendere.
    Prenditi la libertà di "star bene" sempre e comunque... è importante.
  • loretta margherita citarei il 08/10/2013 17:36
    ottima la soluzione della chiusa, col tempo tutto si aggiusta, piaciutissima
  • Rocco Michele LETTINI il 08/10/2013 17:23
    Rientrare nel guscio come una tartaruga, aspettando il sereno, o meglio aspettando il fato che si decida a mutar lo destino...
    Resta il solo pensiero di "star bene" comunque vadano le cose.
    Non importa l'altro... Una meditata riflessione lodevolmente decantata...
  • Caterina Russotti il 08/10/2013 16:47
    Sai Anna Rita... Purtroppo non posso pensare solo a me stessa... Magari fosse così...
    È una realtà che vivo ogni giorno nel mio quotidiano... al lavoro e all'interno della mia famiglia... Ma come dice il buon Auro... Non mi rassegno... Ogni tanto mi demoralizzo... questo sì ... Ma poi mi tiro su le maniche e mi dico che devo andare avanti!
  • anna rita pincopallo il 08/10/2013 16:39
    potrebbe essere questa la soluzione alla tua domanda... ma dovresti riuscire a pensare solo a te stessa senza essere coinvolta da quello che ti circonda, io non ci riesco e sto male
  • LIAN99 il 08/10/2013 16:36
    Molto bella e sentita questa composizione che vedrei molto bene anche come opera in prosa. Apprezzata soprattutto la chiusa.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0