accedi   |   crea nuovo account

Ignari pezzetti di carta

Ignari pezzetti di carta
insudiciate da mani criminali
volano per l'aria
sospinti dai gelidi venti del Nord
accompagnati da voci assassine,
uccidono ogni giorno
il vitello grasso
e ne fanno allegri banchetti
applaudono i loro sacerdoti
i loro leader.
Applaudono e ridono sgangheratamente.
beoni e ladri di democrazie
Si esaltano.
Volano innocenti pezzetti di carta
in un sabato sera
un foglio già scritto
insudiciato da mani fasciste
da ladri, da stupidi schiavi
da sempre ubbidienti ai padroni.

 

3
2 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 19/12/2013 00:30
    apprezzata, complimenti.
  • Caterina Russotti il 11/10/2013 10:10
    Ignari pezzetti di carta che uccidono la dignità umana e la democrazia... Mirabili versi di attualità... I miei complimenti.
  • Giulia Aurora il 10/10/2013 22:54
    una denuncia mirabile descritta in versi che prendono e fanno riflettere
  • Rocco Michele LETTINI il 10/10/2013 00:11
    Un acuto dalla quotidianità diligentemente denunciato... IL MIO ELOGIO SALVATORE

2 commenti:

  • salvatore maurici il 10/10/2013 13:16
    Grazie Michele, grazie Chira, ma dov'eri?
  • Chira il 10/10/2013 08:54
    Quegli ignari pezzetti di carta sembrano un sentore di libertà, col loro volare, mentre tutto il corpo della poesia è una chiara e pesante accusa verso quei politicanti che hanno fatto della cosa pubblica solo bottino. Ben tornato Salvatore!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0