accedi   |   crea nuovo account

Gelosia

Non la colse in un attimo
l'aveva dentro
fosse stata anche da sola.

Se nasce con l'amore
vuol dire protezione
una difesa
di un altissimo valore.

Se parte dal rispetto
che si chiede
in ossequio al vivere comune
si perde l'intelletto

si accusa, parlando,
dimenticando il detto,
sembra pur possibile
un delitto.

Delitto di parola
se ti sembra sfregio
stare tutta sola

quando sei ricca
tieni pure i fili
e i pupi te li giochi a tuo piacere
e comandi la persona e il suo mestiere

non basteranno regali da regina
meglio di te pure una popolana
gelosia che ti è entrata in ogni vena
instillata con perfidia Saracena.

Trovi ogni oscura ragione
strepitando senza senso

non c'è più traccia di ogni tua dolcezza
hai ottenuto la patente: ora sei pazza!

Dare alle cose, ai fatti,
un giusto metro

un vero, gioco finto
questo è il Teatro!

 

l'autore Antonio Garganese ha riportato queste note sull'opera

Ispirata dal dramma teatrale "Il berretto a sonagli" di Luigi Pirandello.


0
5 commenti     5 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Caterina Russotti il 11/10/2013 13:50
    Se nasce dall'amore, vuol dire protezione... Ma quando diviene perfida Saracena perdi ogni tua dolcezza... Stupenda poesia.
  • Giulia Aurora il 10/10/2013 21:30
    un istinto non sempre lungimirante la gelosia va usata a pizzichi tra queste righe è molto bella
  • Auro Lezzi il 10/10/2013 07:48
    Aaaahhhhh.. La gelosia.. Per me il maggior difetto dell'uomo...
  • Vincenzo Capitanucci il 10/10/2013 07:04
    Sarà-cena... forse l'ultima... la gelosia può rovinare tutto... figlia del desiderio... e della possessione...

    molto bella Antonio...
  • loretta margherita citarei il 10/10/2013 06:42
    molto bella, diceva una nota canzone, di un tango-no non è la gelosia ma è la passione mia- complimenti per la sapiente ispirazione pirandelliana, bravo poeta!

5 commenti:

  • Anonimo il 11/10/2013 18:32
    vedo che pirandello ti ha ben ispirato bravo anto... ottima riflessione...
  • Anonimo il 10/10/2013 19:38
    Interessante il tuo scritto Antonio. Per curiosità, sono andata a leggere su internet, tutta la storia del dramma teatrale "il berretto a sognagli" di Pirandello. Bello davvero.

    La gelosia se è sana, non nuoce, anzi...
    Ma se è ossessiva, non è Amore, ma solo possesso.
  • Anonimo il 10/10/2013 12:27
    Brutta bestia la gelosia! Eppure, tutti sono contrari, ma poi, se non sei geloso, tanti si lamentano che non te ne frega nulla.
    Mah misteri della gelosia!
  • laura il 10/10/2013 09:21
    la gelosia quella ossessiva, quella che non lascia vivere, davvero diventa un incubo. Riesce a rovinare l'amore a farlo diventare solo possessione e non esiste più il lato bello e l'emozioni che un sentimento dovrebbe portare, sia nell'amore che nell'amicizia! Bravo piaciuta molto!
  • Chira il 10/10/2013 08:13
    Che ricordi!! Molti anni fa, ho fatto fila all'alba, davanti al teatro Quirino di Roma, per un biglietto... c'era Eduardo che recitava, ormai vecchio, in una delle sue ultime interpretazioni. Eduardo era Ciampa, immenso fu come te ora. Hai toccato tutti i punti principali che Pirandello avevo trasmesso nella sua opera. Beatrice, che alla fine deve far finta di essere pazza, ha innescato una serie di problematiche con la sua gelosia... par di vederla fra i tuoi versi insieme alla sua cattiva consigliera... Grande Antonio!!
    Chira
    Chira

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0