accedi   |   crea nuovo account

Silenzi e canneti

Navigli quieti,
silenzi e canneti
nella sera mantovana,
tace la campagna,
l'osteria del viandante
e le feste di paese,
primo del mese e la tua mano scivolare sul volante
sullo sterzo impazzito,
lo stridere acuto in un baleno
e il pedale del freno,
il tuo grido rimasto muto.
Oglio e un groviglio
appuntito di lamiere,
vedi la gente
le facce sgomente,
l'auto sepolta
sotto alle ruote di quel mastodonte.
Senti la brezza fresca,
giugno che carezza la pianura,
saluti l'estate, guardi i pioppi,
chiudi gli occhi e ti lasci portare
dal respiro della notte
lungo la statale.

 

3
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Caterina Russotti il 11/10/2013 12:43
    Bella poesia che racconta gli ultimi momenti di una vita spezzata. Complimenti

1 commenti:

  • stella luce il 11/10/2013 12:18
    versi molto poetici ma molto tristi... quante anime rapite dall'assassina strada... bravo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0