PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Stidda Antica

La Santuzza di li tempi antichi,
idda ni pruteggi di lu focu,
lu focu ca idda stissa pruvò 'nda li canni,
teni luntanu di la genti sò.

Era bidduzza, nica e senza 'ngannu,
allu nostru Diu l'amuri sò avia ratu,
a nenti vassi la lusigna e la malizia,
di cu la vuleva straviari.

Era fotti la firi 'nda lu so cori,
di ranni picciridda.
Lu ferru, lu focu e la tuttura,
non pottunu piegari stu ciuri di fiirizza.

Millisetticentucinguant'anni ana passatu,
ma lu sò cori iè ancora lu vantu
di sta città,
ca 'ndra li sò sciaguri,
na stidda viri, Agata bedda.
La Santuzza sò.


Traduzione
Stella antica
La piccola santa dei tempi antici,
lei ci protegge dal fuoco,
il fuoco, che lei stessa ha provato nel suo corpo,
tiene lontano dalla sua gente.

Era carina, piccola e senza inganno, al nostro Dio il suo amore aveva donato,
a nulla servirono le lusinghe e la malizia
di chi voleva farle cambiare idea.

Era forte la fede nel suo cuore,
di grande ragazzina.
Il ferro, il fuoco e la tortura,
non hanno potuto piegare questo fiore di fierezza.

Millesettecentocinquant'anni sono passati,
ma il suo cuore è ancora il vanto di questa città,
che in mezzo alle sue sciagure,
una stella vede, Agata bella.
La sua piccola Santa.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • gianni cosentino il 11/06/2008 22:17
    salute concita,
    sei di sant'agata di militello e l'hai dedicata alla madonna?
    complimenti! viva la sicilia

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0