username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La mia stella.

Un lontano tramonto,
sulle sponde del mare,
odo il fruscio delle onde arrivare.
Guardo lontano, all'orizzonte,
sole ed acque si stanno a sfiorare
tra mille colori, mille effusioni,
di un caldo e tenero amore.

Giunge l'ebrezza, inizia a soffiare
si compie l'abbraccio, senza tremare,
sento l'accordo di tante note
è come un bacio, musica soave,
laddove le mani mai giungeranno,
arrivano le menti, senza gridare.

E nel silenzio,
che ci accinge e ci avvolge,
un solo pensiero ma nessun ricordo,
tendo lo sguardo ai raggi del sole,
gli ultimi abbagli di un tempo sereno,
adesso tocca a lei, tocca alla luna.

E senza veli, tra tanti poemi,
ti porgo a colei che si è levata
nella promessa che tu sia la mia stella.

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 18/04/2012 17:55
    ... direi
    dantesca in questo
    rivolgersi alla stella,
    premio d'amore,
    molto bella.

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0