accedi   |   crea nuovo account

( chi detiene il potere)

Un generale allo specchio
nella foschia dell'orgoglio.

Con un mantello di menzogne sputa sentenze
per non lasciare le orecchie in silenzio.

Sfogo per inaridire la pressione del sangue amaro
penetra la carne dell'orfano e gli macera la vita.

Gocce di nervi trasudano superiorità
marcia il piacere del comando al subalterno.



Comandante la guerra uccide la luce
e spegnerà la musica della tua marcia
in un urlo soffocato di malvagità.

 

0
6 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Giulia Gabbia il 15/10/2013 13:29
    una metafora di vita attuale che evidenza le sue difficoltà... le mie elogi
  • Raffaele Arena il 15/10/2013 08:04
    Poesia essenziale, potente, dura. Veramente bella, fin dal titolo dove le parentesi stanno a simbolo di come taluni (e non tutti per fortuna) di questi generali se ne stanno chiusi nelle loro torri d'avorio "addestrati" per un solo motivo: spargere sangue.
  • Caterina Russotti il 14/10/2013 17:30
    Un potere che detiene vite altrui spezzandone l'esistenza... Una poesia che con i suoi bei versi descrive la malvagità di uomini ignobili.
  • Rocco Michele LETTINI il 12/10/2013 12:02
    Un acuto che testimonia quanto di vero scorre nel nostro quotidiano vivere...

6 commenti:

  • Don Pompeo Mongiello il 28/10/2013 08:52
    Mi associo al coro ed aggiungo i miei più vivi complimenti.
  • Ugo Mastrogiovanni il 15/10/2013 15:12
    A parte l'asserzione finale che sa di antica e sacra sentenza, trovo il ritratto dei questo generale veramente ben definito: tutto orgoglio e menzogna, un egemone navigato d'infamia, una vergogna. La poesia vale una riscossa: eccellente.
  • Anonimo il 12/10/2013 14:00
    Riflessioni significative che testimoniano quanto di vero scorra nel nostro vivere odierno. Pubblicazione apprezzata!
  • laura il 12/10/2013 13:22
    una poesia tristemente vera. La guerra uccide la luce e i cuori di chi deve uccidere e vede i fratelli cadere. Troppo facile dare un ordine, difficle è chi deve eseguire. Bella complimenti
  • loretta margherita citarei il 12/10/2013 10:51
    quanta verità in questi bei versi, mi complimento!
  • salvo ragonesi il 12/10/2013 09:54
    È facile dare ordini nellirresponsabilita di provocare morti. tutto è concessoa chi comanda. piaciuta. salvo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0