accedi   |   crea nuovo account

Xenofobia

Gli altri...
il mondo...
la vita si intreccia
sui rami dei cipressi
esposti lì al tramonto
e tra di lor connessi
da un filo intonso
così le anime delle persone
vanno per il mondo legate
da un destino altruista
che vuol per gli altri pace
l'uom contro di essi
infuria
scatena la sua rabbia
punisce, fustiga e ingiuria
persone che son diverse
e son più dolci di loro
sulle labbra d'oro
sulla landa muoio
assalito dai pensieri
soverchiato da stranieri...

La paura è il sentimento
che spinge l'uomo a vivere
che strige nel suo cuore
un desiderio di decidere
l'orma del vento
porta tradimento
inganna la natura l'uom distinto
che vuole che il mondo sia uguale
il suo cuore ha smesso di pulsare
ha finto di morire
quando la barca tremando è affondata
nel mar nero di catrame
e di insulti della gente
tante persone hanno smarrito la vita
che da lì è ormai partita
che da lì non tornerà...

fate un po' di posto
a chi vi chiede aiuto
fatelo ad ogni costo
prima che il sol divenga muto
e che la vostra vita torni banale
e indifferente quanto basta
da far rimpiangere la nostra diversità
la natura così ci ha creato
così ha voluto noi il destino
in questa vita e non in altre viviamo
se non lor permettiamo
di vivere la stessa
il racconto della morte andrà perduto...

la fretta ci sospinge
la società ci incalza
togliendoci il tempo di un respiro
correndo ci stringe
saltando s'innalza
con me io vi tiro
ma dobbiamo fermarci a prendere fiato
ad osservare il naviglio capovolto

ad annacquare il ricordo di un amato
e sommergere quello d'ogni volto...

 

0
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Caterina Russotti il 14/10/2013 18:01
    Siamo tutti naufragi in questa terra... Figli e fratelli di un mondo che ci ha voluto diversi geneticamente... ma uguali nei sogni e nella voglia di vivere... Meravigliosi versi che ho letto con immenso piacere.
  • LIAN99 il 14/10/2013 00:00
    Incalzante ritmo per una lirica che ben rappresenta le ansie, le angosce ed i travagli di chi intraprende fortunosi viaggi e tragiche traversate con la speranza di trovare un futuro migliore ed invece spesso trova ostilità, ignoranza e pregiudizi se non addirittura la morte. Con buona pace della fratellanza universale, troppe volte invocata da molti solo a parole, finisce per prevalere la paura del diverso. Bravo.
  • cristiano comelli il 13/10/2013 21:28
    Contro ogni xenofobia, di ogni spazio e ogni tempo, per una rinnovata fratellanza universale che ci veda in perenne cammino insieme. Sottoscrivo e applaudoil suo componimento. Cordialità.

1 commenti:

  • luca il 13/10/2013 22:27
    grazie mille cristiano, esattamente questo è ciò che volevo trasmettere, mi fa molto piacere esserle piaciuto, cordiali saluti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0