accedi   |   crea nuovo account

Primavera

               

Garrule in ciel scorazzano
le allegre rondinelle,
mille uccelletti impazzano,
tuban le colombelle.

Un venticello tiepido
reca profumi fini
di rose e fior di mandorlo,
zagare e gelsomini.

I prati si ricoprono
di erbe rinverdite,
puntate di papaveri
e bianche margherite

Gli alberi si rivestono
di tenero fogliame,
e da lontano giungono
muggiti di bestiame.

Teneri agnelli al pascolo
trotterellan festosi,
mentre bimbi sul dondolo
divertonsi gioiosi.

Gaie massaie adornano
finestre di gerani,
sui campi allegri cantano
giovani ed anziani.

Alla speranza s'aprono
i cuori degli umani:
è primavera e bevono
la vita a piene mani.

 

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Anonimo il 17/08/2009 10:37
    Direi molto bella davvero.
  • Federica Vergondi il 18/05/2009 08:18
    Bellissima, mi ricorda i posti dove sono nata
  • sara rota il 28/09/2007 08:48
    Sembra un bellissimo tema... di quelli di quando si andava a scuola e si guardava dalla finestra... pronti a descrivere tutto ciò che si vedeva... la parte finale invece è più matura. Bella poesia, mi ha messo serenità... peccato che ora però arrivi l'autunno... 8
  • alberto accorsi il 09/09/2007 22:09
    Graziosa. Naturalmente questo è un mondo fantastico.
  • Anonimo il 09/09/2007 13:12
    Perfetta la metrica. Bella e delicata visione della primavera. Complimenti
  • Manuela Terzo il 09/09/2007 12:56
    leggera, musicale, in piena armonia con la stagione descritta, in cui natura e uomo partecipano della stessa speranza. bravo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0