PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il vuoto infinito e la preghiera dell'essere

Inutile nasconderci
dietro a mille diverse emozioni

un vuoto

con labbra minute

lentamente
nel tempo
ci divora

quasi fosse una promessa inconscia fatta dalla tua anima all'eterno

riusciamo solo per pochi attimi di giorno a sopirlo

ma quando la sera sul nostro cammino l'ultima luce di distrazione si spegne
Ti ritrovi solo nel suo ansimare

torna ad abitare tra le tue mani con tutta la sua pienezza

e sai che solo avendo l'infinito come cuore puoi colmare un vuoto infinito

allora coniughi il presente del verbo essere nel coesistere dell'esistenza come se fosse l'ausilio di una preghiera a l'incertezza di fondo che ti perseguita

Io sono
Tu sei
Egli è

Noi siamo
Voi siete
Essi sono

sperando che Qualcuno
risvegliandoti da un'eco profondo

t'ascolti

 

4
3 commenti     6 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

6 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Giulia Aurora il 16/10/2013 00:54
    un canto di solitudine il tempo che scorre e la ricerca del senso ... io sono come tu sei
  • Alessandro il 15/10/2013 22:41
    L'inesorabile scorrere del tempo. Un grido nel vuoto, sperando che qualcuno ascolti e ci fornisca delle risposte. Magistrali versi.
  • Anonimo il 15/10/2013 16:19
    Trovo magnifici questi versi sia nel contenuto che nell'esposizione. Complimenti per la profondità espressiva...

    Unico Vincè!
  • Anonimo il 15/10/2013 12:45
    Un vuoto infinito che riempie il finito e una coniugazione mancante di complemento per una preghiera recitata con la vita.
    Bellissima Vincè!
  • Caterina Russotti il 15/10/2013 07:22
    Meravigliosa Vincenzo. Ho messo assieme questi tuoi bellissimi versi, l'immagine che ho scorto ieri su fb di una vecchiettina che poco prima di andare a letto, prende da sopra il comò la foto del suo matrimonio e immediatamente piange.
  • Rocco Michele LETTINI il 15/10/2013 06:46
    Coniugare il presente del verbo essere per capirsi dentro... Encomiabile osservazione... Un estratto di verità mirabilmente in versi... IL MIO PLAUSO E LA MIA SERENA GIORNATA.

3 commenti:

  • anna rita pincopallo il 15/10/2013 08:47
    bravissimo splendida poesia
  • Anonimo il 15/10/2013 08:15
    una delle più belle che hai mai scritto (senza nulla togliere alle altre)... molto sentita, bravissimo
  • loretta margherita citarei il 15/10/2013 06:23
    SPERIAMO CHE QUALCUNO ASCOLTI, BRAVO CAP

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0