accedi   |   crea nuovo account

Anelito di pace

         

Profondo mar, perchè tanto m'attiri?
Cielo infinito, e se volassi anch'io?
Seguire il fiume, secondare il vento,
librarsi sugli effluvi e le armonie,
farsi portar dove silenzio regna,
là dov'è luce, color, melodia, pace.
Sì, cerco la pace vera, duratura,
ma non intendo morte, chè spaura.

   

 

2
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Gabry Tedesco il 26/02/2011 11:52
    Davvero una poesia molto bella sia sul piano stilistico che nel contenuto, complimenti
  • Manuela Terzo il 08/09/2007 17:36
    la particolarità di questi versi è la cesura finale, data dalla sorpresa e, insieme, delusione data al lettore che non si sarebbe immaginato un rifiuto di morte, dati i presupposti dell'intero componimento che tendevano "dove il silenzio regna"
  • Maria Gioia Benacquista il 06/09/2007 10:27
    La pace che cerchi è soprattutto quella interiore. Potrai raggiungerla solamente quando la tua mente e la tua anima, riusciranno a volare liberamente, seguendo i propri desideri e camminando nella vita senza intromissioni esterne.
  • laura cuppone il 04/09/2007 19:23
    fusione con la natura... pace emozionale e intensa..
    bravo.
    L

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0