accedi   |   crea nuovo account

Condizioni e cause

Guardarsi nel tempo e annaspare nella luce,
per trovare un appoggio e rimirarsi nel mare.
Quanto tempo è passato, quante acque, quanto vento,
quanta tosse e quanto spasmo.
Sono qui, a guardarmi ancora da lontano.
A capire ancora da che parte guidare,
quale bivio per salpare verso la meta.
L'azione si congiunge al numero di respiri,
immersa in un attimo sento un suono;
Mi dirigo verso la musica, ascolto i passaggi.
Vagheggio, mi perdo, dimentico cosa sto cercando e intanto viaggio.

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Caterina Russotti il 16/10/2013 16:25
    Il viaggio... la vita.. in cerca di un luogo dove potersi fermare... Trovare qualcosa che ci dia la voglia di vivere senza annaspare... Profonda poesia introspettiva.
    Benvenuta.

2 commenti:

  • Amira il 05/11/2013 14:36
    Grazie Caterina di questo commento!
  • Alessandro il 17/10/2013 01:08
    Un viaggio che è un arrancare nella nebbia, gli attimi sembrano sfuggirci.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0