accedi   |   crea nuovo account

Instabilità

Precario il mondo del vivere
attimi vissuti e già svaniti
arrivi susseguiti da rapide partenze
un viso conosciuto domani già straniero.

Lacrime donate all'instabilità
moto perpetuo di immagini sbiadite
distorto sguardo in prossimità della fine
insicurezza dell'ennesimo sospiro.

Arrendevole momentaneo incerto giorno
solitaria perduta sdrucciolevole via
evanescente dissolta impalpabile anima.

 

2
6 commenti     8 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

8 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Giulia Aurora il 19/10/2013 01:30
    ogni cosa è transitori e noi non sempre accettiamo questa transitorietà
  • Alessandro il 19/10/2013 00:12
    Un mondo che a volte non merita le nostre lacrime, versate fin quasi alla dissoluzione.
  • Don Pompeo Mongiello il 18/10/2013 16:45
    Un serto floreale per questa tua straordinaria!
  • Caterina Russotti il 17/10/2013 16:24
    Poesia introspettiva di un animo precario che vive giorno per giorno cogliendo anche piccoli attimi che possano distogliere la sua solitudine...
  • francesco contardi il 17/10/2013 16:07
    la vita è pagine sfogliate. quante ne abbiamo sfogliate e vorremo tornare indietro per ripoter leggere quell'avvenimento che neanche per un secondo ricordiamo. può accadere anni fa, o ieri. bravissima!
  • Glauco Ballantini il 17/10/2013 11:25
    "Et rose, elle a vécu ce que vivent les roses
    L'espace d'un matin."... E come gli ultimi versi di "Marinella".. che le riportano.
    Tutto finisce, ma ricomincia... fino al giorno dell'ultima volta.
  • roberto caterina il 17/10/2013 09:29
    l'instabilità non necessariamente l'incertezza rendono bene le lacrime della precarietà. Piaciuta.
  • Rocco Michele LETTINI il 17/10/2013 07:40
    Un verseggio che rispecchia fedelmente quanto decantanto in profondi versi. SERENA GIORNATA.

6 commenti:

  • Anonimo il 19/10/2013 00:24
    Bellissima poesia, intensa e veritiera, Stella.
  • ciro giordano il 17/10/2013 18:45
    mai come adesso è vero quello che dici...
  • laura il 17/10/2013 10:24
    La precarietà della vita... momenti che viviamo e che svaniscono subito.. volti che conosciamo e il giorno dopo non ricordiamo di aver mai visto... ci fa soffrire questa non palpabilità dell'esistenza, ci lascia dentro un grande vuoto e solitudine. Piaciuta molto! ciao
  • DANIELE BOGANINI il 17/10/2013 08:13
    una poesia che mi fa riflettere...
  • Chira il 17/10/2013 08:00
    La provvisorietà della vita che sfugge e l'anima sta a guardare! Introspezione intensa, matura dove il pessimismo sfuma in malinconica realtà.
  • rescaldani franco il 17/10/2013 07:46
    Bellissima poesia sulla nostra incredula gracilità dell'essere, viviamo le emozioni con ubiquità senza accorgerci della stranezza di ciò sino a quando ci fermiamo un in un incerto giorno per vedere la nostra anima solitaria

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0