accedi   |   crea nuovo account

Dove morire

Morire, si! morire
in un posto qualunque,
una speranza in ogni modo
porto stretta in cuore,
morire in solitudine
tra la maestà dei monti,
disteso sopra l'erba
vicino ai boschi
dove fanno il nido
mille uccelli canterini.
Poi a notte
veglieranno le mie spoglie
i tanti fantasmi
che la mia fantasia ha partorito,
i vecchi, i poeti, i contadini.
Morire in solitudine
tra canti d'uccelli
e mandare al diavolo
le falsità, i piagnistei,
i discorsi funerei e farseschi
di chi sciupa la via stupidamente.

 

3
7 commenti     5 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Alessandro il 19/10/2013 00:04
    Un augurio agli ipocriti e ai disonesti, anche se non manca una vena autodistruttiva. Ottima e verace.
  • LIAN99 il 18/10/2013 00:00
    Lirica intensa e condivisa. Non v'è nulla di meglio, in un momento cosí sacro e solenne come quello della Morte, che immergersi nell'abbraccio della Natura, nella sua purezza. Tornare nel silenzio e nella solitudine nel suo seno essenziale e scevro da falsità ed ipocrisie. Bellissimi versi.
  • Rocco Michele LETTINI il 17/10/2013 17:07
    Un verseggio che lascia fantasticare... Mirabile e stupendamente costrutto...
  • Caterina Russotti il 17/10/2013 16:43
    Premessi i falsi piagnistei... Di chi vuol solo apparire... Non è male l'idea di una morte in cima ad un monte..( preferirei in primavera o estate visto che non sopporto il freddo) con gli uccellini che cantano per darti un sincero ed ultimo saluto... Stupenda Salvatore.
  • diego il 17/10/2013 16:24
    molto forte ma mi piace il modo in cui è stato affrontato un tema così importante

7 commenti:

  • mariateresa morry il 25/10/2013 11:38
    Un modo naturale d'intendere ed immaginare la morte, un modo forse dal quale ci si è allontanati, nel mito di voler vivere lungamente ed il più possibile. Ma la morte dovrebbe essere la cosa più naturale, un passaggio da condividere con la terra cui apparteniamo. Bella Salvi!
  • salvatore maurici il 18/10/2013 09:45
    Può essere una buona chiave di lettura quella di cercare la natura ad incoraggiare un viaggio misterioso e pieno d'incognite...
  • Ellebi il 18/10/2013 02:10
    Si muore da soli inevitabilmente, ma nessuno vorrebbe morire solo. Forse nel morire si cerca una mano amica. Composizione comunque emozionante. Saluti
  • loretta margherita citarei il 17/10/2013 18:56
    concordo con te, poesia condivisa
  • Anonimo il 17/10/2013 16:14
    wow... forte... duro, ma in un contesto cosi', nienye male... apprezzata, per contenuto e stesura
  • salvatore maurici il 17/10/2013 15:55
    Non ti preoccupare, la vita m'interessa, troppe cose mi promette ancora, grazie
  • Chira il 17/10/2013 15:46
    ... e senza quelle battute di mani insensate e quelli che dicono "mi dispiace" solo per dire. Nella natura, con il canto degli uccellini... quale compagnia più desiderabile per un momento unico e solo nostro?! Più tardi possibile Salvatore... hai tanto da fare ancora no?! Un caro saluto.
    Chiara

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0