accedi   |   crea nuovo account

Il nostro giovane 2013

Il nostro è un treno argentato
nutrito di futurismi, nato fermo.
Dove ci condurrà? Nessuno
Volle rianimare il motore già morto,
ma tutti lucidano le ruote inaugurate
e giocano alla festa con brindisi e sorrisi.
Ironia tragica, sappiamo già tutto:
il viaggio non ci sarà, le valigie
fiammanti saranno un inutile vezzo
e i binari stanchi rimarranno vuoti
scoloriti attenderanno altre stagioni
batterà sulla ruggine il gelo azzurro
di molti inverni o le foglie fulve
di altrettanti autunni:
nessuna attesa sarà felicemente adempiuta
i binari stessi si sgretoleranno
il treno spirerà invecchiato
nel suo gretto parcheggio
quello di sempre.
solo le promesse giulive e leggere
sopravvivranno qualche decennio:
con l'inganno
tratterranno ancora
nel fodero
le nuove frecce d'argento.

 

0
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Caterina Russotti il 19/10/2013 13:26
    Il nostro è un treno argentato... Non è una freccia rossa... viviamo in un mondo fermo... Dove le stagioni scorrono... Davvero brava
  • luca il 17/10/2013 20:50
    sì, brava, davvero molto originale la comparazione di una vita un viaggio e degli anni a mezzi di trasporto, complimenti

1 commenti: