PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Si signora!

Matura ancella sei per me,
e io brusco acerbo,
aitante corteggiatore all'aspetto tuo.

Si signora mia,
eppur sintonia, tanto ciglio,
ideale palpeggio.

In te veder dovrei frutta matura,
accantonata, archiviata.
E in me tu un semplice goffo
fanciullesco quotidiano.

Ma il tutto vanifica,
si signora mia.

Siamo il dessert che entrambi ordiniamo.

La derma vissuta tua,
l'odore di femmina compiuto,
paradiso tra gli steli tuoi,
fessura da gioire.
Si signora, da esultare e fruire!

Da consumare ancora,
più di quanto robusti passati
han fatto su te.

Schiavo di te.
E tu prigioniera del mio
verde scettro fisico,
si signora.

 

2
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 18/10/2013 19:23
    "Siamo il dessert che entrambi ordiniamo"...
    LA DOLCEZZA IN AMORE ASSAPORATA TENERAMENTE... UN FANTSTICO FORGIATO...

1 commenti:

  • Alessandro il 18/10/2013 23:46
    Un corteggiamento duello che la differenza d'età rende ancora più interessante.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0