PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La morte di un passero

Perplesso
ne li mei pensieri
ivo,
uno passero
su lo selciato
senza più alito
giacea,
creatura tanto cara
a lo Ciccio
e Bon Signore,
lo fiato
mi tolse,
ma la sua animuccia
ne lo alto ciel
volar vedendo,
l'enorme peso
da lo cor
meo togliendomi,
innanzi lo passo
mover
de novo potei.

 

l'autore Don Pompeo Mongiello ha riportato queste note sull'opera

Riferimento al fatto realmente accadutomi l'altro ieri.


2
2 commenti     6 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

6 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • stella luce il 20/10/2013 17:25
    solo un animo dolce e poetico come il tuo poteva restare così colpito da un tale evento... e descriverlo in versi così belli...
  • Rocco Michele LETTINI il 19/10/2013 19:23
    Sensibile nella vita... Fantastico nel poetare attimi vissuti...
  • loretta margherita citarei il 19/10/2013 17:31
    molto dolce anche se triste piaciutissima
  • Anonimo il 19/10/2013 13:10
    delicatezza d'animo don bellissima lirica...
  • Caterina Russotti il 19/10/2013 12:18
    Immaginare che col suo canto l'uccelletto aveva allietato la vita altrui e il buon Signore lo aveva preso a se... Fa di te un uomo dal cuor gentile... Davvero bella Don
  • francesco contardi il 19/10/2013 11:43
    nella vita avvolte riceviamo più con la fine di un animale per noi tanto semplice in natura che in fatti che strabiliano il nostro essere quotidiano!

2 commenti:

  • anna marinelli il 19/10/2013 14:21
    è una storia straordinaria Don Pompeo!!! grazie per averla postata...
  • Anonimo il 19/10/2013 12:17
    Ancora una volta ci giunge l'eco poetica del tuo animo sensibile e profondamente ci coinvolge, Don...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0