accedi   |   crea nuovo account

La conferenza

Forse
l'attesa del discorso liberatore fu troppo lunga

Maestro
la gente
una alla volta sta andando via

dove vuoi che vadano
se dentro di sé
portano ancora l'accento di un confine

Quella sera la sala pur essendo vuota fu piena come non mai

 

1
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Alessandro il 22/10/2013 21:19
    Una lezione importante che ci invita alla pazienza e alla riflessione. Oggi, purtroppo, tutto è immediato e usa-e-getta.
  • cristiano comelli il 20/10/2013 22:43
    È una poesia non facile da capire, Vincenzino. Io confesso la mia inadeguatezza, posso soltanto tentare una piccola analisi scusandomi se sia errata. Al maestro viene fatto notare, mi sembra, che i discorsi da lui proposti suscitano una sempre più scemante attenzione dell'uditorio. E il maestro, da vero maestro, invita a comprendere che invece tali discorsi devono essere seguiti in tutta la loro profondità perchè l'uomo se ne giovi. E alla fine la linea del maestro vince, con l'uditorio pieno. Messaggio chiarissimo: la saggezza vera trionfa sempre. Ottimo componimento, come ogni altro tuo. Ciao.
  • Rocco Michele LETTINI il 20/10/2013 09:32
    Una conferenza che ha ritrovato il giusto equilibrio porta ad una stabilità eterna... Magnifico Vincè... SERENA DOMENICA...

1 commenti:

  • Nicola Lo Conte il 20/10/2013 20:43
    Dice Osho, la verità accade ai singoli... mai alle masse...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0