accedi   |   crea nuovo account

GUARDANDO IL CIELO

Luna, che fai stasera?
Candida signora del cielo,
che silenziosa sorvegli gli umani
rischiarandone il cammino;

muta testimone di gioie e dolori,
di promesse e amori,
di successi ed errori,
registri ogni cosa che sulla terra accade;

pietosa stendi veli d'argento
sulle nostre vane speranze,
quasi un luminoso ponte fra terra e cielo,
che tutto addolcisce e fa leggero.

Cosa pensi di me, discreta amica?
Mi hai visto infante e poi crescendo
diventare maturo; sul tuo diario
c'è scritto il nome mio, c'è la mia vita.

E se stasera ti va di conversare,
qui in riva al mare che luccica di te,
fammi arrivare la tua lontana voce,
esprimi un tuo giudizio su di me.

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • ninetta ciminelli il 03/01/2008 07:36
    bella ti meriti un otto, la luna conosce i nostri pensieri come un amica discreta e queto credo lo ricerca chiunque si mette davanti a lei di notte
  • Anonimo il 09/09/2007 10:11
    Davvero dolce questo tuo monologo con la luna. Piaciuta molto.
  • celeste il 05/09/2007 20:46
    Bravo Ignazio, la luna siamo noi.
  • sara rota il 05/09/2007 08:56
    Anche a me a volte capita di alzar lo sguardo, soffermarmi a guardar la luna ed iniziare un piccolo dialogo, quasi a volerle dire: "che fai lassù? Vieni che ci facciamo un po' di compagnia quaggiù!". Molto carina. 8
  • Riccardo Brumana il 05/09/2007 00:27
    carina, quasi divertente.
  • Maria Gioia Benacquista il 03/09/2007 15:37
    Bel dialogo con la signora Luna, compagna eterna di allegrie e dispiaceri. Un momento speciale di riflessione.
    Molto bella.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0