accedi   |   crea nuovo account

In memoria di Hanna Politovskaja


dove la libertà stuprata giace,
da germi ignobili di falsa pace,

dove l'ugola dell'ortodossa preghiera
recisa fu vigliaccamente
dal coltello ignobile di una sera,
là desidero possa scintillare il mio stilo,
daga che il muro fenda
d'una nuova, strisciante tirannide
travestita da deforme democrazia,
perchè il canto dei giusti risuoni,
perchè il sole sia abbraccio sempiterno
sulla pelle dell'adorata madre e figlia Russia.
Una Pravda lacerante
su di noi cucì il fantasma graffiante della storia,
ma leoni ci riscoprimmo pur feriti
capaci di svergognare le tagliole
di zarismo e stalinismo.
Sono Hanna, amico mio
al tuo coraggio che bussa dentro,
mai non togliere il saluto,
mai dovrai dire addio.
Lo sguardo del cuore
posa sulla mia esile tomba
vi sentirai l'eco delle mie idee di libertà
che sempre
fiera e incrollabile rimbomba.

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 24/10/2013 16:32
    Caro Cristian, ricordo perfettamente il vile omicidio di questa giornalista. È l'unico modo che i vigliacchi e finti propugnatori della democrazia conoscono per far tacere la voce della verità, la voce della dissidenza.
    Mai fidarsi di coloro che all'arma della convinzione sostituiscono l'arma che ha, come unico elemento di supporto, l'arma bianca e la polvere da sparo.
    Bravissimo Cristian per ricordare queste cose.

2 commenti:

  • loretta margherita citarei il 25/10/2013 04:49
    ricordo questo delitto, la libertà in tutte le sue manifestazioni vuole i suoi martiri per esser difesa. bravo
  • cristiano comelli il 24/10/2013 16:35
    Sottoscrivo questo tuo commento appieno e mi onoro di averlo ancora avuto ospite in una mia proposta. Ciao.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0