username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Ricordo di un matrimonio di guerra

Mercanzia chiusa nel baule
disseminata di grani di pepe,
sottane e vestaglie a fiorami...
chi mai le indossò?

Un corredo da sposa
un invito alla notte incolore
segnato da un filo di luna
decisa a tremare
sopra l'oscuro canale.
Cadere nell'acqua?
Un semplice passo e già s'era intinta.

L'odore ed il buio di guerra
dietro agli scuri serrati.
Gli sposi si sono cercati
tra le fredde lenzuola e povere lane.
Un sospiro un respiro un affanno.
Il lucore della fede nuziale
chiude l'intermittenza di un tarlo.

Sale dalla calle il duro pestare di tacchi.

 

1
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Antonio Garganese il 25/10/2013 07:09
    Un vestito da sposa, ambientazione periodo di guerra, a chi mai sarà appartenuto? che storie nasconde? Su queste domande ne hai fatto poesia dal risultato accattivante. Complimenti.

3 commenti:

  • Antonio Garganese il 25/10/2013 07:11
    correggo, scusami, da queste domande è nata una poesia dal risultato accattivante. Complimenti.
  • mariateresa morry il 25/10/2013 06:40
    grazie ellebi, non ero nei paraggi ma nn scomparsa del tutto... una salutone grande a te!
  • Ellebi il 25/10/2013 01:46
    Riesci sempre a creare una certa atmosfera che sembra sospesa fra reale e e sogno. Direi qualcosa di più di una rievocazione. Mi pare che è un pezzo che non sei nei paraggi. Saluti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0