accedi   |   crea nuovo account

Provo

Provo a dire due parole
Come chi si accinge a scrutare
Il dolore


Provo a farmi forza come chi
Non crede
Che il domani sia possibile

Provo ad aprir la mano
In segno d'un dono d'amore

Provo a sperare che tu esista
E possa capire questa solitudine


Provo e riprovo
Ad ascoltare i percorsi
Dell'amore


Provo a dormire
Per riveder il mattino dei tuoi occhi

 

1
3 commenti     6 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

6 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 25/10/2013 22:59
    Solo l'agire permette di vivere l'esperienza nel positivo e nel negativo. Questa tua, riferita a quel sentimento che talvolta, specialmente nel distacco di una persona a cui si vuol bene, ci procura forte dolore, la trovo originale e buona. E... ri-prova!!!
  • Alessandro il 25/10/2013 18:23
    Tentare e ritentare, senza arrendersi. Il sole lo vede solo chi, prostrato dal temporale, ha la forza per rialzarsi. Bella
  • cristiano comelli il 25/10/2013 17:58
    Provi, provi, chè il provare, per ognuno di noi, è la voce invisibile eppure così nitida del volerci scoprire. Cordialità.
  • Anonimo il 25/10/2013 13:29
    Come conforta leggere questi versi che sono di buon auspicio.
    Bei pensieri.
  • Rocco Michele LETTINI il 25/10/2013 07:49
    Provare non nuoce... se a vincere sarà poi il più soave sogno d'amore.
  • Anonimo il 25/10/2013 07:29
    È davvero straordinario incontrare in rete comportamenti ed atteggiamenti che senti "familiari" e stupirsi di come riesci a leggere certe poesie con più intensità rispetto ad altre, pure ben fatte e ricche di sentimento. Ma alcune le apprezzi e le rileggi più volte perchè ti sembra siano lo specchio della tua anima che non trova pace.

3 commenti:

  • giuseppe gianpaolo casarini il 25/10/2013 12:55
    Bella.. ben espressi sentimenti...
    brava!

    ggc
  • Anonimo il 25/10/2013 08:54
    Quando non si trova pace, come dice Salvatore e come... grida la tua poesia, Giulia, è spesso perché ci si accanisce su di una strada che è quella sbagliata, quella che non porta da alcuna parte... Non è facile convincersene... Si rimanda sempre... Si continua a soffrire invano.
  • Anonimo il 25/10/2013 07:28
    È davvero straordinario incontrare in rete comportamenti ed atteggiamenti che senti "familiari" e stupirsi di come riesci a leggere certe poesie con più intensità rispetto ad altre, pure ben fatte e ricche di sentimento. Ma alcune le apprezzi e le rileggi più volte perchè ti sembra siano lo specchio della tua anima che non trova pace.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0