accedi   |   crea nuovo account

All'incrocio dei venti

Non ci sono vele
in questo ritaglio di mare
in questo specchio di respiro
che si cristallizza
nella carezza del vento di maestrale...

Oggi la mia prua punta verso altri lidi
ad incagliarsi su sconosciuti arenili
di bianche sabbie mobili
ad intessere abbracci
senza dicotomie..

sono stanche d'attese
ormai le mie braccia..
orfane della tua fisicità.

 

1
6 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 25/10/2013 10:22
    Un doveroso lamento amorevolmente effuso... Lodevole sequela poeticamente apprezzata...

6 commenti:

  • Fabio Mancini il 10/11/2013 17:35
    Apprezzo sempre i tuoi versi veri e profondi. Ciao, Fabio.
  • Anonimo il 26/10/2013 19:35
    ... triste malinconica, molto bella... sentita
  • Alessandro il 25/10/2013 18:19
    Come un Ulisse smarrito, in procinto di arrendersi. Ottima
  • Domiziana Gigliotti il 25/10/2013 14:13
    Quando siamo stanchi di aspettare si cambia rotta per lidi migliori. Apprezzata.
  • franco buniotto il 25/10/2013 12:03
    Non so se la prua si incaglierà su arenili sconosciuti. Mi piace comunque pensarlo. ***** Alcide
  • Fabio Magris il 25/10/2013 11:44
    Immagini e sentimenti trasmessi con la delicatezza che ti distingue. La conclusione è toccante.
    Con affetto Fabio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0