accedi   |   crea nuovo account

I miei problemi

Ai miei problemi, i miei maledettissimi problemi.
I problemi vogliono avere il primato,
sono possessivi, ossessivi, egocentrici, egoisti, arrivisti.

I problemi vogliono sedere in trono,
hanno il comando, determinano lo stato delle cose,
delle cose che sono, ma soprattutto di quelle che non sono più.

I problemi divorano la testa, lo stomaco, l'anima.
Le giornate di sole si spengono così,
le occasioni muoiono per il motivo di sempre.

Quanto male sa fare il niente.

Quanto fa male essere niente,
quando finisco per essere i miei problemi,
Io possessiva, ossessiva, egocentrica, egoista, arrivista



Quanto fa male essere i miei problemi
e sapere che i miei problemi non sono me.

 

0
3 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 31/10/2013 14:16
    I problemi sono per essere alla fine risolti, e tu saprai con la tua maestria farli svanire dal nulla, ove son venuti.
  • Salvatore Masullo il 26/10/2013 15:56
    Problemi visti in questa lirica a 360° e ben poetati, basati sull'assioma biunivoco tra la nostra vita, il nostro essere ed i problemi collegati. I problemi nascono per essere abbattuti e non per abbattere l'uomo. Spesso i problemi diventano delle opportunità per mostrare agli altri quanto siamo forti e quale contributo possiamo dare a chi può appoggiarsi sul nostro senso risolutivo delle cose. Lirica piaciuta nelle sue articolazioni e metafore!
  • cristiano comelli il 25/10/2013 17:46
    Cara poetessa, dovremmo riscoprire tutti il valore positivo dei problemi che sono in noi. I problemi sono quelli che ci fanno capire le risorse che abbiamo e, soprattutto, il modo in cui servircene per volgere la situazione a nostro vantaggio. Se tutto scorresse sempre in calma piatta non potremmo mai conoscere fino in fondo ciò che possiamo dare a noi stessi e, di conseguenza, anche agli altri. Con questo, sia chiaro, non voglio dire che la vita debba essere una maledizione piena di problemi, è solo un invito ad affrontarli come suscitatori di risorse in noi. Il gioco funziona, glielo garantisco perchè l'ho provato io sulla mia vita. Lei dice, nella chiusa, che i suoi problemi non sono lei. Proprio sulla scorta di quanto ho appena affermato, direiinvece che noi dobbiamo identificarci, non totalmente, è ovvio, con i nostri problemi. E vederli come alleati per il loro superamento definitivo. Cordialità.

3 commenti:

  • carmelo il 05/11/2014 12:09
    BISOGNA SUPERARLI PER VIVERE
  • denny red. il 27/10/2013 03:29
    È un bel problema questa tua intensissima mia non mia..
    problematica riflessiva figura non facile da vestire e svestire.. Un bel tu per tu che.. che si pettina di fronte
    ad uno specchio e.. e tra un riflesso ed un pensiero,
    dipinge il niente..
    Ottimo scritto Margherita! Brava, piaciuta!

  • Alessandro il 25/10/2013 18:09
    Problemi pesanti come macigni. L'importante è far sì che non contaminino il nostro carattere.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0