PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Scusate le parolacce, così non và!

Sono stufo di certi atteggiamenti
pure i miei, continui disutili lamenti.
Vedo in giro cattivi comportamenti
in chi ci comanda, ci controlla e
vuole svuotare, la nostra umanità.
Così non và, cosi non và!

Una dittatura chiamata democrazia
una democrazia che non si sa che sia,
chi ha privilegi o li perde o ci si lega
e di te non gliene importa una tega,
per non dire parolacce, intendevo sega.

Così non và, così non và.
Troppo speso l'ira mi assale,
mi trovo con un forcone in mano
e l'inferno intorno. Subito incontro
il superiore, che ride e ride, ma che cazzo ride?
Sono nato che già piangevo, avevo già capito tutto...

Così non và, cosi non và.
Non c'è liberta, canta Jovanotti,
se non l'hai tu con due miliardi di villa
dimmi un po' chi ce l'ha. Ma non ce l'ho con te
ma il sistema che tu critichi e in cui ti adagi.

Probabilmente questa è rabbia, invidia
di chi da mattina a sera rimane chiuso in gabbia
come una belva infuriata, vede passare visitatori
esseri alieni, mostruose, li odio, mannaggia!
È questo che specie è? Diabolicus... ah... interessante.

Non passa la furia, non paga la guerra, ora mi fermo
che sennò cado in terra. Ma la terra non c'è, è tutta marcia
per contaminazioni radioattive e monete sotterrate
da politici, mafie, e istituzioni fasulle telecomandate.
Che in realtà ipnotizzati continuano a perder tempo
quando purtroppo il tempo è già scaduto da millenni.

Nel loro teatrino con Pulcinella e Arlecchino giocano
sul nostro destino. Ma un giorno è vicino, non sarà l'apocalisse
ma il trasformarsi di certi soggetti, come zebre, a strisce.
E noi pastori di nuovi animali, torneremo in luoghi senza eguali
dove potremo fare all'amore, senza nessuna inibizione,
così per tornare a un Eden che era, e non è mai esistito.

 

2
8 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 26/10/2013 15:22
    Un lamento del tutto voluto... verseggiato ironicamente e diligentemente...

8 commenti:

  • loretta margherita citarei il 27/10/2013 17:07
    concordo con la tua legittima rabbia, bravo
  • Alessandro il 27/10/2013 14:32
    Uno sfogo franco di fronte a una società in declino.
  • giuliano paolini il 27/10/2013 07:50
    Cosa può fare l'uomo ordinario? Girare la testa? Combattere? Essere se stesso? Spesso se non sempre entrano considerazioni di sopravvivenza legate alla famiglia al mutuo al senso di schifo che è diventato patrimonio comune e non riesce a ribellarsi. Da sempre i soli momenti di rinascita sono quelli della rinascita, dopo una guerre tutto riparte dopo una morte una rinascita forse! Qualche pazzo solitario si scaglia contro lo schifo e il solo risultato è che ne rimane soffocato ma sul suo volto morente si allarga un sorriso così diverso che sembra il primo sorriso di adamo quando ha visto il cielo dell'eden e scorto dietro una pianta la figura di eva
  • denny red. il 27/10/2013 04:23
    Arriveranno dal cielo..
    colorate farfalle..
    là.. là tutto via porteranno e..
    E là..
    là si sposeranno..!
    Piaciuta Raffaele! Come sempre.. Bravissimo.

  • Anonimo il 26/10/2013 14:56
    Sì, abbiamo fame di VITA VERA! Facciamola crescere questa fame, Amici cari che questa fame ancora avete, cerchiamo in tutti i modi di alimentarla anche in altri, specie i nostri giovani distrutti da tanti pessimi esempi. Altro non c'è da fare. E senza stancarsi. MAI.
  • silvia leuzzi il 26/10/2013 14:51
    Raffaele questo tuo sfogo è tristemente condiviso. Complimenti sei riuscito a dare un 'altezza lirica notevole al di là della rabbia
  • Anonimo il 26/10/2013 14:33
    Caro Raffaele, lo so, non se ne può più di tante porcherie, ma la verità è che ogni popolo ha i governi che si merita. Il nostro non fa che innamorarsi di persone sbagliate che ci portano alla rovina, per non parlare di coloro che semplicemente non partecipano a nulla che sia d'interesse comune, anziché esclusivamente proprio. Non siamo per niente veramente democratici come maggioranza, ma altro non si può fare, da parte di coloro che al bene comune aspirano, se non lottare, lottare, lottare... Nella speranza di maturare, a furia di soffrire. E', del resto, la storia dell'Umanità.
  • Margherita Golino il 26/10/2013 14:33
    Non passa la furia, non paga la guerra, ora mi fermo
    che sennò cado in terra. Ma la terra non c'è, è tutta marcia
    per contaminazioni radioattive e monete sotterrate
    da politici, mafie, e istituzioni fasulle telecomandate.
    Che in realtà ipnotizzati continuano a perder tempo
    quando purtroppo il tempo è già scaduto da millenni."

    Il tempo è scaduto: si nasce già senza futuro e il domani è solo un debito, una taglia che ci pesa sulla testa.
    Il diritto di sperare nel domani, senza farse, senza teatrini, senza attori in cerca di rivalsa.
    Noi abbiamo fame di vita vera.
    Complimenti davvero!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0