username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Lo specchio della mia solitudine

Io e te soli
ci guardiamo nel silenzio
scrutando l'avvenuto
effigi moventi
rievocano ciò che fu
di tutti i desideri
le aspirazioni
tempi che accompagnarono
il destino...
abbassando le armi
mi confronto sempre con te
difronte allo specchio
e nell'opaca luce.

 

2
3 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • AlfaCentauri il 28/10/2013 23:03
    "Siamo consiglieri e spesso arbitri di noi stessi ma anche i peggiori nemici"... cit

    Come guerrieri, troppo spesso disillusi e sconfitti, ci si ritrova a scorrere il tempo che è stato e quello che rimane; nebbie ovattate accompagnano e avvolgono i passi a venire, quasi a proteggere...
  • Alessandro il 28/10/2013 17:58
    La solitudine compagna, il nostro isolato sembiante. Versi belli e tetri.
  • loretta margherita citarei il 28/10/2013 16:56
    bella poesia che molto fa pensare, bravo peppì
  • Rocco Michele LETTINI il 28/10/2013 09:15
    Introspezione doverosamente confrontata... Uno specchio per rivedersi... per ritrovarsi... per migliorarsi... Diligente versicolato...

3 commenti:

  • Anna G. Mormina il 05/12/2013 21:27
    Quello specchio sa tutto di te, tu di lui, il confronto è quasi sempre triste in quella "luce"... basta poco però, una smorfia, un sorriso e in quello specchio potresti trovare cose bellissime che hai vissuto e che potresti rivivere...
    Bella poesia Giuseppe, mi ci ritrovo dentro!... bravo!
  • salvo ragonesi il 28/10/2013 10:38
    Introspezione di grande rilievo, ma lo specchio non nasconde verità e ci lascia con l'amaro. ciao Giusè. salvo
  • anna marinelli il 28/10/2013 08:16
    l'amico specchio sempre critico, che ci parla senza profferir parola!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0