accedi   |   crea nuovo account

Apocalisse

Sul mondo il cielo da sue nubi attorte
riversò un aer di tuono e nera pece,
come un folle marciar di bestie alate;
e subito dal basso eco gli fece
la terra con le fauci spalancate
a frantumar città, selve e pianure,
quasi a scoprire chi ruggìa più forte.

Ghermirono di tutte le misure
creature e piante, e alfin gli inermi umani,
trombe marine in sconfinate flotte;
nel mentre si fuggivano lontani
piangente Luna e il Sole allucinato,
sicché i dolenti avanzi del Creato
non scaldò il giorno né abbracciò la notte.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

7 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 31/10/2013 14:07
    ... e lo colloco come recensione ben meritata.
  • Giulia Aurora il 31/10/2013 00:22
    Uno scenario da divina commedia sembra di entrare nell'inferno molto epico e simbolico ...
  • Gabry il 30/10/2013 15:19
    Straordinario scenario poetico,
    l'autore con maestria mette in evidenza un'apocalisse moderna dei nostri giorni, a tratti ha celato nei versi uno stato d'animo nel lettore inducendolo alla riflessione. La chiave finale apre il portale al rimpianto ed all'addio.
    SEI STATO MOLTO BRAVO!
  • Caterina Russotti il 29/10/2013 18:51
    Waw... Descrizione perfetta di un apocalisse... Una voragine che risucchia il creato...
    Versi che fan riflettere. Complimenti
  • Anonimo il 29/10/2013 14:58
    Interessantissima... Offre veramente il senso della fine...
  • Anonimo il 29/10/2013 11:28
    Un'immagine dell'apocalisse molto bella. Chissà, magari non saranno queste le immagini, ma ci stiamo mettendo del nostro per arrivare alla fine!
  • Raffaele Arena il 29/10/2013 11:21
    Scritta con grande sentimento, cupo, per i tempi che, ripetuto più volte, stiamo vivendo. Inoltre con il tuo stile sempre gradevole, incisivo, che lascia a chi legge, sempre una traccia, per una riflessione seria.

11 commenti:

  • Matteo Contrini il 03/11/2013 12:57
    Mi piace perché questa poesia è apocalittica sia nelle parole scelte, altisonanti e austere, sia nel ritmo abbastanza regolare, come fosse una marcia inesorabile verso... L'APOCALISSE!
  • karen tognini il 30/10/2013 20:51
    Bravissimo.
    Classe in versi..

    Complimenti
  • Don Pompeo Mongiello il 30/10/2013 13:31
    Mi associo al coro e ti faccio i miei più vivi complimenti!
  • Ugo Mastrogiovanni il 30/10/2013 11:19
    Eccellente la descrizione dei destini ultimi dell'umanità e del mondo; il verso è tutto un armonioso rombo e la sostanza è quella, purtroppo.
  • Giulia Gabbia il 29/10/2013 23:24
    Un bellissimo ritratto apocalistico da far venire brividi sulla pelle.. elogi...
  • loretta margherita citarei il 29/10/2013 17:50
    l'apocalisse la viviamo nei nostri giorni, bella, bravo
  • Anonimo il 29/10/2013 12:55
    veramente terrificante... molto bravo ale
  • Anonimo il 29/10/2013 11:51
    chi sa come sara'
    e come la vivremo
  • Anonimo il 29/10/2013 11:39
    Un Apocalisse (da brividi) descritto con maestria.
    Complimenti Ale.
  • Chira il 29/10/2013 11:34
    I tuoi versi "cupi" o "leggeri" non hanno nulla da invidiare a Dante!
    Chiara
  • Eugenia Toschi il 29/10/2013 11:23
    Un bel ritratto dipinto con arte.
    Piaciuta. Bravo!
    Un caro Saluto.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0