PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Giocan tra lor le foglie

Posson mi dico esser le foglie a un tempo
qual segni d'amore che di dolor cocente?
Voglio con lor giocare a un sottile gioco:
volan del tiglio nell'aria le ingiallite foglie
son a forma di cuore qual simbolo d'amore
vero sincero oppur sofferto e tormentato,
s'accompagnan a quelle nel d'ottobre vento
del castagno le acute appuntite lor sorelle
vuoi frecce mortali o d'amor amorevol pungol:
ecco s'alzan nell'aria e s'offron alla mente e al pensiero
mentre si mischian come giocar tra lor cordate e lanceolate
e al gioco io per gioco ricorro pronto ai nostri amori
non dissimili da questo di foglie intreccio e turbinio
sì quanti amori da cuori trafitti mi dico son un dì finiti
sì quanti amor nuovi oggi sorgon da altri cuor colpiti

 

2
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Mara il 26/11/2013 20:14
    Originale l'idea che ti ha portato a scrivere questa tua bella poesia!!!
  • Anonimo il 30/10/2013 17:30
    Versi molto belli, scritta bene.
    Complimenti Giuseppe!
  • Ugo Mastrogiovanni il 30/10/2013 11:14
    ... intreccio e turbinio di foglie, intreccio e turbinio di amori, proprio così.
  • Alessandro il 29/10/2013 22:56
    Ottimo il linguaggio, versi corposi. Forse la parola "amore" è ripetuta troppe volte.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0