accedi   |   crea nuovo account

Tempi muderni

Vitti la povira genti
di tutti li nazioni
farisi ammazzari
appressu 'na bannera,
l'omini putenti
cutiddiarisi a sangu
p'aviri cchiù putiri
pi fari travagliari la genti
jornu e notti.
E vitti lacrimi di sangu
scurriri a sciumi
virsati da vicchiareddi
stanchi e abbannunati.
Chi tempi sunnu chisti nostri
ma semu veru arrivati
a lu Dumila o è fantasia?
La genti ama sordi e binessiri
ma no l'amuri
e nun si voli taliari darre li spaddi,
lu tempu curri
e nun lu poi acchiappari
la vucca china di ventu
lassa a tutti.
 

 

3
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Caterina Russotti il 29/10/2013 23:51
    Tempi moderni che lasciano il vuoto in chi li vive... Meravigliosa nella sua forma dialettale... Davvero bella. Bravo.

2 commenti:

  • Chira il 30/10/2013 06:41
    "La gente ama il benessere ma non l'amore"... è in fondo solo questo che ci ha portato questi brutti tempi, dove c'è sopra ogni cosa lo sfruttamento e la sopraffazione del più debole! " Il tempo corre e non lo puoi prendere e lascia a tutti la bocca piena di vento ".
    Bellissima, sentita e vera. Un caro saluto, Salvatore!
    Chiara
  • Alessandro il 29/10/2013 23:12
    Satira comprensibilissima nonostante la forma dialettale.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0