accedi   |   crea nuovo account

Il miracolo delle castagne -leggenda-

San Rigo dopo aver duramente lavorato
fermatosi un istante a riposare
udì alcuni montanini del paese
lamentarsi per giustissime pretese.

Dicevan d'esser disgraziati
nel vivere in montagna,
più sfortunati
dei contadini al piano
i quali coltivando il grano
avevan il sostanzioso pane da mangiare.

Senza poi contare
che i mezzadri che il colle abitavano,
oltre l'olio per condire
un delizioso vino potevan gustare.

Loro invece poco possedevano
grazie all'asprezza del paesaggio:
un po di latte e formaggio,
qualche pascolo verde per il foraggio
qualche fungo, legna da ardere
per l'inverno...
rispetto agli altri misera
vita la loro, assai dura.

Commosso da quel lamentarsi
San Rigo nel bosco ritirandosi
chiese al Signore
che ai montanari fosse concesso del pane
nutriente
per non soffrire più la fame
e serenamente l'inverno passare.

Apparve improvvisamente
sul ramo del castagno
un frutto strano:
un riccio verde tondo, molto spinoso.

Il santo lo raccolse e lo mostrò alla gente,
che nel costatarne l'aspetto curioso
pensò non valesse niente.

San Rigo molto sapientemente
spiegò che se di spine era armato
lo era per proteggere l'intimo tesoro
dallo scoiattolo e dal ghiro.

Appena lo benedì
con il segno della croce

12

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

8 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 05/11/2013 11:11
    Un serto floreale per questa tua eccelsa davvero!
  • Alessandro Moschini il 31/10/2013 08:05
    Che buone le castagne. Adesso è stagione. È proprio vero, è un frutto-tesoro. Bravissima Loretta.
  • Anonimo il 30/10/2013 17:42
    Molto bella Lorè. Si vede però che le castagne son finite perché la ricchezza non si divide più, ma chi ce l'ha la tiene tutta per sé!
    Bellissimo racconto poetico, amica m ia... facciamoci sta castagnata!
  • Anonimo il 30/10/2013 16:42
    Stupenda Lor, una bellissima leggenda che fa riflettere.
    Da far leggere anche ai bambini...
    Complimenti.
  • Gabry il 30/10/2013 15:34
    Alla sempre straordinaria autrice faccio i miei complimenti per lo straordinario scenario leggendario, che invita il lettore a vivere in prima persona "la favola".
    Non la conoscevo e ti ringrazio!
    Molto piaciuta.
  • roberto caterina il 30/10/2013 08:22
    Bella la leggenda che non conoscevo, grazie... ideologicamente legata alla mezzadria dell'Italia centrale, ma bella lo stesso anzi con parole poetiche fa capire ciò che è alla base di un pensiero politico, non sempre applicato seguendo lo spirito originario...
  • Rocco Michele LETTINI il 30/10/2013 08:14
    Meravigliosa come una storiella... Incantevole come una poesia... Diligente come l'autrice...
  • Auro Lezzi il 30/10/2013 07:31
    Che bella mattinata...

11 commenti:

  • Anonimo il 15/11/2013 17:40
    Bellissima favola in versi! Complimenti!
  • Anonimo il 31/10/2013 07:12
    bellissima, sei davvero molto brava
  • karen tognini il 30/10/2013 20:56
    Grande Loretta...
    Davvero molto bella!..
    )
  • Giulia Aurora il 30/10/2013 14:10
    Una bella favola che insegna scritta benissimo
  • laura il 30/10/2013 09:59
    Non conoscevo questa bella parabola, raccontata da te in maniera meravigliosa! Sei stata davvero brava! L'ho letta più di una volta. Complimenti Loretta un grande saluto
  • Ugo Mastrogiovanni il 30/10/2013 09:01
    Meriti il mio solito "bravissima".
  • ignazio de michele il 30/10/2013 08:49
    meriteresti un proscenio più ampio e di maggiore lustro!
    brava!
  • Anonimo il 30/10/2013 08:39
    Errore: <il vero senso...(ho omesso) della vita>. Chiedo scusa.
  • Anonimo il 30/10/2013 08:21
    Che meravigliosa, attualissima parabola ci offri oggi, Loretta! In tre pensieri soli l'etica vera, il vero senso che dovrebbe esser vissuta da tutti: Io che produco per me e per gli altri; Io che positivamente mi servo di quanto la vita mi offre e gli altri mi offrono; Io che non penso solo a me, ma anche a chi più bisogno ha di me di giusto aiuto. Grazie.
  • Chira il 30/10/2013 06:46
    Non la conoscevo e scoprirla in tali versi è incantevole!
  • Vincenzo Capitanucci il 30/10/2013 06:25
    Per compensare il rigore dell'inverno... San Rigo... pregò il Signore... delle Altitudini.. e sugli alberi crebbe un cereale..

    molto bella L'or...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0