PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il giardino delle rose

Cammini nel giardino, sfiorando le rose ai tuoi lati...
Eccole, magnifiche, contornate dal loro profumo.
Ma ecco, come ti volti, che noti i loro petali piegati
Cadono ora, come se fossero in disuso.
Solo ora capisci il danno
Che le tue mani han fatto;
Piangi in ginocchio su ciò che ora è appassito
Ricordando quando prima era fiorito.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • Anonimo il 16/03/2011 14:27
    molto bella intensa dove si evince la consapevolezza della parte negativa e distruttrice di noi... bravo Matteo
  • francesca cuccia il 19/11/2009 21:37
    L uomo distrugge bravo.
  • Marcello De Tullio il 27/06/2009 14:21
    hai toccato il segno, le nostre mani sono solo capaci di distruggere la natura. bravo
  • Anna Ferrara il 08/12/2008 17:07
    Struggente piacevole poesia, bravo ciao Anna
  • Paolo Forlani il 25/05/2008 10:07
    Riconoscere i propri errori è un grande passo verso il non ripeterli. Bravo!
  • Vincenzo Capitanucci il 20/03/2008 14:51
    Bellissimo... Mi fa pensare a Orfeo... che si volta... per vedere se Euridice lo segue... e tutto si appassisce..
    Ciao
    v
  • laura cuppone il 24/02/2008 00:37
    Matteo... questa é una confessione in piena regola...
    speriamo che non risucceda... sai, le rose sono spinose, é vero, ma anche molto, molto delicate...
    ciao Laura
  • SILVANO DOLCI il 07/09/2007 12:04
    La vita è in continuo movimento.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0