PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Un gioco

Ricordo l'intrecciarsi di tue dita
con le mie, sol per gioco, quando al fiume
l'infanzia esploravamo. Il mal di vita
scrutava inerte da remote brume.

Rimane adesso terra inaridita
dove sepolta giace gioia implume.
Quando allo specchio, stanca e impallidita,
ti scruti prìa del sonno v'è un barlume

di quel mio volto? So ch'è buffa cosa:
ad altri il tuo bel guardo di zaffiro
avrà scaldato l'anima, e affannosa

è l'esistenza, preda del raggiro.
Eppur quel gioco ancor varrà qualcosa
per te come per me; forse un sospiro.

 

2
5 commenti     8 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

8 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 19/11/2013 13:01
    Un sonetto superbo nella stesura ed intimo nel sentimentale contenuto. Emozioni sospese tra passionali desideri e pensieri di rimpianto, coinvolgono il lettore in modo istantaneo e piacevole, offrendo sospiri fluidi ed intensi, che, si dipanano nelle immaginifiche strofe. Pubblicazione piaciuta e gradita.
  • Anonimo il 05/11/2013 23:59
    Un bellissimo sonetto dove la passione ed il rimpianto, espressi con dei versi fluidi e piacevoli, per un amore approdato ad altri lidi si sente e come!
  • Don Pompeo Mongiello il 05/11/2013 11:08
    Un sonetto direi per eccellenza, bravissimo!
  • Giulia Aurora il 04/11/2013 19:45
    già un gemma preziosa da richiuder in uno scrigno sempre riesce ad emozionare questo autore
  • Raffaele Arena il 02/11/2013 00:27
    Complimenti, una piccola perla, scritta in uno stile classico con gran sentimento, ricorda il dolce stil nuovo, primo periodo originale, il migliore. Bravissimo.
  • Caterina Russotti il 01/11/2013 22:44
    Stupenda Alessandro.. Versi dolci di un uomo che ricorda intensamente e con un sospiro il suo amore giovanile...
  • Rocco Michele LETTINI il 01/11/2013 18:50
    Eh quanto è triste rivivere attimi d'affetto de la primiera etate... Un sonetto che riporta al rimembrar con un sol lascito: un sospiro, null'altro! Stile e considerazioni impeccabili...
  • Anonimo il 01/11/2013 17:49
    Una poesia molto intima, la cui atmosfera sembra essere in totale sintonia con l'oggi.
    Molto bella!

5 commenti:

  • Giuseppe Vita il 24/11/2014 10:24
    Un bel sonetto d'amore, complimenti!
  • Anonimo il 02/11/2013 13:59
    molto bella la tua poesia su un amore giovanile vissuto intensamente
  • Giulia Gabbia il 01/11/2013 23:45
    molto bella e attuale.. bravo
  • Anonimo il 01/11/2013 19:36
    versi bellissimi pieni di sentimento... in ricordi ormai lontani...
  • Chira il 01/11/2013 15:12
    ... non è poca cosa un sospiro... una carezza all'anima se c'è stato sentimento non potrà mai mancare, anche se lungo il cammino c'è stata offesa o incomprensione. Versi AULICI nella fattura e speciali nella loro essenza di sentimenti.
    Chiara

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0