accedi   |   crea nuovo account

Presentimento

Sveglio fino al sorgere
del sole .
(quando la penultima stella
tramonta
e l'ultima
a dormire
vi è già).
I denti afferrano le labbra
eccitati
-aggressivi e primordiali-.
Sogno con precipitare
dentro al sonno
piú profondo:
un incubo
reale
mi sta trattenendo
sveglio.

Musiche infernali di ventilatori sordi e demenziali,
ventilatori storti.

Anche questa sera, questi silenzi, saranno loschi;
inventati da labirintiche paranoie e solidi complessi,
per tutti quegli anni desiderati,
mai avuti mai concessi.

Severi desideri, ritmi scellerati,
trombe, tromboni, trombette e squilibrati
che tuonano, risuonano, riecheggiano:
annunciano il risveglio del genio ispirator.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Riccardo Brumana il 14/09/2008 22:00
    strana come prima poesia, te lo dico perchè normalmente ti comincia con qualcosa di semplice e solo più avanti si osa sperimentare, mentre tu hai fatto il percorso a ritroso. comunque, la poesia la trovo buona, ma la struttura proprio non mi convince, confonde.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0