username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Cattive compagnie

Desiderio di vibrazioni,
oggi,
in questo tenero sole
di novembre
che non si vede,
ma dona tepore
alle idee solitarie.
Voglia di un "noi"
che stringa la mano
al respiro
per non affondare
nella melma dell'"io".

Sei arrivato con il tuo
"Tu".
Ti ho cercato gli occhi,
ma hai puntualizzato
il "mio" ed il "tuo".
Cosí, queste due rocche
restano a guardarsi -
senza vedersi -;
si cercano -
senza trovarsi -;
si fronteggiano,
si rispettano.

Ma, nella valle dell'Anima,
io sono già sola.

 

3
9 commenti     8 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

8 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Nicola Lo Conte il 23/06/2014 17:49
    "Ti ho cercato gli occhi,
    ma hai puntualizzato
    il "mio" ed il "tuo"."
    No, non conosce il senso dell'amore, dunque non sarà capace di smarrirsi e poi ritrovarsi nei tuoi occhi desiderosi di vero Amore.
  • Giulia Gabbia il 15/11/2013 15:26
    una descrizione forte e realistica di come cattive caompagnie possono segnare la vita
  • Auro Lezzi il 11/11/2013 18:16
    Ho scritto tanto sul NOI.. Ma tu hai descritto tutte le ansie in modo unico... E devi vivere quel NOI.
  • Giulia Aurora il 04/11/2013 19:55
    cattive compagni che ci prendono e fanno vuoti attorno bella tematica
  • Alessandro il 03/11/2013 16:30
    Soli con noi stessi, a volte una cattiva compagnia, un blocco che ci impedisce di stringere legami. Ottimi versi.
  • ciro giordano il 02/11/2013 20:45
    la definizione di "cattive compagnie" calza a pennello, generica e sembrerebbe non impegnativa, pesantissima invece nello sviluppo del tuo raconto... intensa e bella, ed a tratti toccante
  • Salvatore Masullo il 02/11/2013 20:22
    Bellissima l'introduzione con questo sole novembrino che "dona tepore alle idee solitarie", altrettanto bella è l'affermazione "per non affondare nella melma dell'io". Poesia in cui si dibatte in un amore intenso, poco manifesto, perchè i protagonisti sono "due rocche", entrambi dal carattere forte e, direi, orgoglioso", dove nessuno dei due muove il primo passo. Entrambi tacitano e non vogliono rendere nota quella piena di sentimenti che pulsa e batte non vista, non manifesta. E alla fine ci si ritrova in una fase di stallo dove "nella valle dell'Anima" uno dei due si sente già solo. Lirica che equivale ad una accorata e sincera confessione, musicale e poetica. Complimenti Lian!
  • Anonimo il 02/11/2013 19:14
    Nella definizione dei confini c'è già la volontà di non oltrepassarli per andare incontro all'altro, nè di lascaiare passare l'altro per andare incontro a te.
    Cattive compagnie? Forse, ma più verosimilmente non sono buone compagnie neanche per se stessi e lo vedo tipico delle persone senza alcuna speranza.
    Bellissima poesia ed anche profonda!

9 commenti:

  • Fabio Mancini il 08/02/2015 07:56
    Mi piacciono le tue poesie. Percepisco che sei una persona autentica. Buona domenica, Fabio.
  • Molto profonda e leale con certe situazioni della vita. Piaciuta molto!
  • augusto villa il 12/11/2013 22:23
    Bella tutta... Trovo pero- piu- intensita- nella seconda parte.
    Complimenti!
  • loretta margherita citarei il 03/11/2013 17:29
    veramente bella, intensa piaciutissima
  • Caterina Russotti il 03/11/2013 08:36
    Quando si rimane a guardarsi... Ma non vi è l'incontro tra il tu ed io... me e te... Non vi è un insieme o un assieme... Alla fine si rimane soli... Con la nostra voglia di piccole vibrazioni che risveglino la nostra anima. Davvero bella Lian
  • Anonimo il 02/11/2013 23:20
    Io-noi, tu-voi... che brutta compagnia. Mi piace molto la poesia.
  • lidia filippi il 02/11/2013 21:36
    Intensa e molto profonda. L'incontro con l'altro ci espone a rischi... Ma sono rischi che dobbiamo correre se non vogliamo "affondare nella melma dell'io" Molto apprezzata, complimenti!
  • Chira il 02/11/2013 20:36
    Quando un amore è fatto solo di "io" e "tu" e non si unisce in un "noi" c'è solitudine e sofferenza. Intensa e bellissima LIAN!
    Chiara
  • Anonimo il 02/11/2013 20:10
    Con gli occhi dell'anima, Ti ho vista correre, impaziente, assetata d'amore... incontro a qualcuno che, con quel crudele <Io... tu>, ha subito innalzato barriere insormontabili... Bloccato la corsa delle tue emozioni, dei tuoi desideri profondi... Poiché basta così poco alla sensibilità vera di un'anima per sentirsi respinta!...
    Poetessa pittrice di sentimenti, mi hai profondamente commossa. Ti sento come sempre vicinissima. Un abbraccio. Vera

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0