PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Disoccupato

Affanno versi solo per dirti
-sotto volte di desio ridotte in trucioli -
il nulla.

Perché arranco ottenendo
nulla
perché gli arti calcificano
in cerca disperata del senso
ma nulla,
perché cresce tutto intorno a me
crescono tutti intorno a me e io
nulla.

Chiedo d'esplodere agire mutare
divincolarmi da questo resinoso fato
chiedo unicamente di vivere
ma competente secolare d'impotenza
affanno solo versi dicendoti
-su stracci d'aspettative ormai smangiati-
il nulla.

 

3
3 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 20/01/2014 19:01
    Un poetico sfogo-denuncia di una situazione, purtroppo, assai attuale che trascina nello scoramento la maggior parte dei giovani di oggi, debilitati dal fatto di non riuscire a trovare i giusti sbocchi per poter affrontare il futuro con una certa dose di tranquillità. È davvero facile, in momenti come questi, lasciarsi rapire dallo sconforto: la forza sta nel non demordere, sfruttando tutte le proprie potenzialità per creare qualcosa di veramente positivo. Versi molto apprezzati e condivisi.
    P. S.: Grazie per aver appreso appieno il senso di: Nuova solitudine.
  • vincent corbo il 05/11/2013 06:26
    Uno spaccato abbastanza significativo del nostro tempo, del limbo in cui si trovano molti giovani e meno giovani, di come sia difficile trovare stimoli in una società satura di stimoli. Colgo l'occasione anche per ringraziarti di essere passato a sbirciare nelle mie cose.
  • Alessandro il 03/11/2013 16:30
    Una disoccupazione "emotiva", una carenza di stimoli e affetti. Versi amari e sinceri.

3 commenti:

  • Matteo Contrini il 20/01/2014 20:35
    Arcangelo, grazie mille per il commento, hai detto proprio una cosa vera, che non bisogna demordere e creare qualcosa di positivo!
    ps: è stato un piacere
  • Matteo Contrini il 03/11/2013 09:50
    LIAN99 ti ringrazio del commento!
    Hai ragione, non bisogna lasciarsi sconfiggere dalla situazione attuale, ma anzi sfruttarla per creare qualcosa di nuovo e migliore. Ma purtroppo, in alcuni momenti arriva lo sconforto, come quando ho scritto questa poesia
  • LIAN99 il 02/11/2013 19:42
    Come darti torto, caro Matteo, nel desolato panorama lavorativo attuale? Dire parole d'incoraggiamento sarebbe banale. Davvero siamo in una situazione deprimente che avvilisce la dignità umana e che fiacca le capacità di resistenza dei singoli. Dobbiamo solo augurarci che si riesca a non farsi sopraffare dal Nulla che ricorre cosí minacciosamente nella tua bella poesia!...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0