accedi   |   crea nuovo account

Notte fonda

Quando ormai è notte fonda
e tutti dormono in casa mia,
io invece sono sveglio
e inizio a pensare.

Penso alla mia vita,
alla vita di altri,
penso all'amore,
che io tanto anelo ma che non arriva,
penso al mio passato,
a tutto ciò che non ho fatto di bello,
e a tutto ciò che non avrei dovuto fare,
penso al mio futuro,
a quello che, so già, non farò,
ma che invece dovrei fare.

Dopo ciò mi sdraio sul letto,
ma non riesco a dormire:
ho gli occhi pieni di lacrime.

Non dovevo pensare troppo.

Albisola Marina 19/08/06

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

17 commenti:

  • Christian Allasia il 12/12/2007 18:21
    Ricorda amico mio, che anche nella notte più buia potrai sempre vedere la luce delle stelle. non arrenderti mai! continua a lottare x quello in cui credi.
  • CLAUDIO CISCO il 04/10/2007 11:20
    molto introspettiva, sentiti e profondi i versi
  • DOMENICO DE MARENGHI il 03/10/2007 13:30
    1) Mai voltarsi indietro: acqua passata non macina più!
    2) L'amore... va cercato (non aspettiamoci che arrivi da solo) e a volte occorre cercarlo tenacemente, anche con la forza della disperazione; attenzione però a rimanere sempre "attrezzati" e con la testa sulle spalle. È come trovarsi su un aereo e doversi buttare col paracadute. Con cognizione di causa ci si deve buttare nel vuoto, certo ci vuole il coraggio di farlo! Però non ci sono alternative.
    Tutti questi concetti, se ben sintetizzati, potrebbero diventare vera "poesia", questa è troppo descrittiva. A rileggerci. Voto 8 per incoraggiamento.
  • Anonimo il 20/09/2007 21:59
    È BELLISSIMA... e così tragicamente reale... mi ci rispecchio perfettamente!!! Un Bacio... a rileggerci. 10
  • Michelangelo Cervellera il 20/09/2007 09:07
    Caro Alessandro, bisogna pensare e solo cercare di capire gli errori fatti. Cmq mi è piaciuta. Posso chiederti di leggere la mia poesia "immagini"?
  • luigi deluca il 18/09/2007 22:08
    la capacità di pensare è ciò che ci distingue dagli automi, dai burattini drogati di regole che infestano le nostre strade... quindi, pensa, piangi, morditi le mani... perchè è questo che ti rende vivo! gigi
  • EKIPS _ il 13/09/2007 11:45
    Ah.. come ti capisco! Semplice e diretta, carina.
  • IGNAZIO AMICO il 11/09/2007 19:59
    Semplice il tuo linguaggio ma molto efficace e gradevole per esprimere pensieri di molti. Bravo
  • Riccardo Bianchi il 08/09/2007 17:48
    Come altri anche io mi ritrovo, molto bella. Pensare troppo a volte ti fa capire quanto sia triste il mondo.. a volte
  • Anonimo il 08/09/2007 00:30
    Hai in pratica descritto una mia nottata... Hai ragione mai pensare troppo, la fantasia potrebbe eccedere e farci scordare la realtà.. un bacio.
  • alberto accorsi il 07/09/2007 15:47
    Trovo che l'ironia dell'ultimo verso salvi la poesia dall'essere solo la confessione di un disagio pur sinceramente vissuto.
  • augusto villa il 06/09/2007 16:02
    Consolati Alessandro, non ti disperare!.. Io allora, mi dovrei sparare!...
    Su con la vita! e Ciao!
  • sara rota il 05/09/2007 17:41
    Credo che ognuno di noi nconsciamente pensi... ogni pensiero nasconde dietro di sè un significato particolare... sta a noi interpretarlo o cancellarlo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0