accedi   |   crea nuovo account

Novembre

Come allora cadesti tu
Stai sopra la montagna e il cipresso
Dove le stelle indomite fuggono lassù
Splendore arcano di memorie fugaci
Lampi e tuoni di foglie
E le sterrate valli e le strade fredde al mattino
E quella luce tiepida
Che scalda la sera e seppellisce l'inquietudine sulla maestra via

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0