PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Occhi chiari

Occhi chiari, guardava
attonito
il bianco trine delle onde irrequiete
sbiadite, dall'indomabile Scirocco
pareva
una vendetta degli Dei messi al bando
agitavano la distesa Ligustica, i Cuori
in attesa di un ritorno
ad Est, la burrasca ricacciava accenni d'alba
oltre l'orizzonte, plumbeo
paludato come belva a caccia di anime
da omaggiare
al Dio Nettuno riaffiorante dagli abissi, sconvolti
da quella Tempesta senza nome e senza età
solo mercanti di coraggio senza Mondo e stendardo
cancellavano la Paura delle rotte senza Stelle
in quelle praterie acquee, infinite
Occhi chiari ritto e indomito
affondò la prua del suo leale legno
in azzardo
per quella lotta senza ritorno...

 

0
3 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Giulia Aurora il 12/11/2013 01:00
    tante suggestioni tra queste righe che affascina
  • loretta margherita citarei il 05/11/2013 05:46
    bella poesia, piaciutissima amico caro
  • Antonio Garganese il 04/11/2013 17:34
    Un vero capitano di nave affronta fiero i pericoli della tempesta anche se ad uno ad uno scompaiono i punti di riferimento e la battaglia con le forze della natura è impari. L'azzardo si paga. Originalissima.

3 commenti:

  • ignazio de michele il 08/11/2013 16:29
    Signore e Signori... grato della Vostra presenza... buona serata
  • Anonimo il 08/11/2013 12:06
    un mare burrascoso e crudele in attesa di poter omaggiare con prede coraggiose, Nettuno... bella lirica belle metafore un abbraccio caro amico e poeta
  • Alessandro il 05/11/2013 14:24
    Sapore molto neoclassico, il viaggio temerario di un simil-Ulisse.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0