accedi   |   crea nuovo account

Ebbrezza

Permarrà questa penna che loda,
nel sonetto o tra le rime rade,
i vagiti di chi al mondo approda
e l'infermo che a morir s'appresta?

Forse un verso si fa carne e sangue,
si fa goccia in seno alla tempesta
e scintilla nel clangor di spade?
Vive e scorre, pur se mano langue,

questa punta arcana e maledetta,
punge i mondi oltre l'uman destino
sicché l'alba pare a noi più stretta;
un'ebbrezza oltre l'amore e il vino.

 

2
4 commenti     9 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

9 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 10/11/2013 09:51
    Questo un sonetto non è, ma rimata a dovere è. Bravissimo!
  • Raffaele Arena il 06/11/2013 22:08
    Una poesia frutto di un gioco tecnico, di rima, in se molto bella, ma che mi pare, e scusa la critica che siamo sempre a farci complimenti, non vorrei risultare maleducato, giocata sulle rime, sullo stile interessante e su un sentire che si perde nella poesia, e non mi arriva. Come un'ebrezza scaturita dallo scrivere tenendo conto dello stile e di un fievole sentire. Comunque interessante.
  • Anonimo il 06/11/2013 20:00
    Non c'è ebbrezza migliore, a mio avviso...
    Sempre superbo nel tuo comporre.
  • ciro giordano il 06/11/2013 19:00
    Penso, grazie a questa tua, al valore, a quello che dovrebbe essere la poesia, alla sua funzione umana, alla possibilità che avrebbe di cambiare il mondo, almeno a quella di accendere scintille... E mi faccio le domande del caso, anche malinconicamente... densa e pregna, e soprattutto profonda
  • Rocco Michele LETTINI il 06/11/2013 17:00
    Tre quartine che ubriacano ne lo stile d'eccelso cantore e nel costrutto di profonde verità... SUBLIME DAVVERO, ALESSANDRO!
  • Anonimo il 06/11/2013 13:42
    bellissima poesia, ben scritta davvero, complimenti
  • Giulia Gabbia il 06/11/2013 13:32
    una bellissima sensazione che si sprigiona in emozione.. molto apprezzata
  • Anonimo il 06/11/2013 12:35
    Sensazioni personali d'EBBREZZA scrittoria mirabilmente elogiati dall'autore. Pubblicazione apprezzata e gradita!
  • Anonimo il 06/11/2013 11:27
    Quartine che esprimono a meraviglia il senso dell'ebbrezza che va aldilà delle emozioni e dalle sensazioni indotte. Bellissima Alessandro!

4 commenti:

  • Anonimo il 08/11/2013 18:40
    magistrale lirica... che dire... BRAVO
  • Ferdinando Gallasso il 08/11/2013 09:48
    Stupenda e appassionante questa tua Poesia. Complimentissimi a te
  • Anonimo il 06/11/2013 17:41
    ... un'ebbrezza oltre l'amore e il vino...
    e che ti fa scrivere bellissime poesie!
  • Chira il 06/11/2013 15:49
    Il tuo scrivere che ti dona l'ebrezza del senso del vivere... Sempre speciali i tuoi versi che si fanno carne e sangue... hai voglia se "permarranno"!!
    Chiara

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0