PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Bella la vita

Secoli di arroganza e di ruberie.
Il canto si alza delicato e forte.
Giovani corpi violati.
Un giorno uguale al precedente una fame che pare non placarsi.
Finti mostri che coprono finti alibi.
Vestini della festa che tentano di ingannare giorni feriali dimenticati.

 

0
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Alessandro il 10/11/2013 22:32
    Secoli bui, ingannatori, pieni di vanità. A farne le spese per primi sono proprio gli ultimi arrivati. Piaciutissima

2 commenti:

  • Giulia Gabbia il 11/11/2013 16:57
    Un opera degna di considerazione e di riflessione.. Piaciuta
  • Anonimo il 10/11/2013 21:05
    Brevi frammenti di distorsioni, di squilibri che l'autore riconosce come alterazioni o fraintendimenti di un vivere che nulla ha a che fare con ciò che il Creatore si sarebbe potuto immaginare.
    Facciamo noi la differenza di Luce, se lo desideriamo.
    Ciao Magnifico, n

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0